I cibi che riducono le rughe, il salmone è la vera alternativa al lifting del viso

Per ridurre le rughe ed i segni del tempo non c’è bisogno di un lifting del viso, basta mangiare alcuni cibi come il salmone. E’ questa la sintesi del pensiero di Nicholas Perricone uno dei dermatologi piu’ famosi del mondo autore di un bestseller in Usa dal titolo “the wrinkle cure” tradotto in Italia “Una pelle senza età“.

Per il dottor Perricone il salmone possiede una delle chiavi vitali per apparire giovani: contiene in buona quantità il DMAE dimetilaminoetanolo una sostanza antiinfiammatoria naturale che contribuisce a mantenere l’elasticità cutanea migliorando le funzioni cerebrali e della memoria. Mangiarlo quindi in quantità riduce ed elimina addiruttura le rughe, un vero e proprio lifting naturale del viso. “Il salmone ha inoltre effetti benefici sui nervi connessi ai muscoli della pelle, mangiandolo assumiamo DMAE e combattiamo in maniera naturale i segni del tempo“, dice Perricone.

Per il dermatologo l’invecchiamento è una malattia, ha tutti i segni della malattia ed è talmente convinto di questo che ha fondato 5 anni fa la conferenza internazionale Anti-Ageing, dove specialisti di tutto il mondo si danno appuntamento ogni anno per combatterla. Lo stesso Perrone è il padre della “Teoria Infiammatoria dell’ invecchiamento” che spiega così: “quando vedo al microscopio una parte del corpo colpita dal cancro vedo dell’ infiammazione tutto intorno. Quando ero giovano chiedevo ai miei professori perchè. Loro mi rispondevano che era la risposta con cui il corpo si difendeva per creare immunità. Quando poi ho iniziato a studiare la dermatologia e osservavo al microscopio le rughe della pelle vedevo intorno la stessa infiammazione. Alla stessa stregua di come fa con una malattia anche per la pelle il corpo risponde con un’infiammazione“. Da qui è nata la teoria, l’invecchiamento è una malattia e come tale deve essere combattuta, come ad esempio facciamo contro un’artrite.

Il dottor Perrone afferma che già con una dieta di 3 giorni fatta a base di salmone si possono vedere i primi risultati contro le rughe. “Il cuore della dieta per le rughe sta nel mangiare salmone alla griglia, anche due volte al giorno accompagnato da insalate. Anche al mattino si può consumare“. Altrimenti per la prima colazione vanno bene prodotti a base di farina d’avena e poi frutta fresca come frutti di bosco, meloni, mele e kiwi.

Ma davvero bastano tre giorni di dieta per vedere ridurre le proprie rughe dal viso?
Quando si ha meno infiammazione si perde acqua dal corpo, questo significa che si perde gonfiore al viso, in questo modo si tende ad avere contorni del viso più nitidi. La pelle sarà più radiosa, e le piccole rughe tenderanno a ridursi anche in due o tre giorni“, assicura l’esperto.

Per il dermatologo il nemico numero uno della pelle è anche lo zucchero, responsabile al 50% dell’ invecchiamento cutaneo. Non solo zucchero però ma anche pane, riso e pasta che vengono convertiti in zucchero dal corpo: “quando si ha un rapido aumento della glicemia si ottiene infiammazione, lo zucchero poi attacca direttamente il collagene“.

In sostanza, il dottor Perricone è convinto che il processo di invecchiamento può essere rallentato, l’aspettativa di vita è cambiata e si è allungata, dobbiamo mantenere in piena forma anche l’involucro esterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *