Matricium il trattamento in Fiale per le Rughe del Viso

Matricium di Bioderma è uno dei tanti prodotti antirughe che si è affacciato recentemente sul mercato. Si presenta in fiale monodose per uso topico coadiuvanti nella lotta contro il fotoinvecchiamento, ma non solo. Nella scatola, costo di circa 60 euro, si trovano 30 fiale da 1 ml. per un uso quotidiano. E’ realizzato dall’ azienda francese Bioderma che produce prodotti dermocosmetici nella sua sede di Lione e li distribuisce in tutto il mondo, Italia compresa.

Matricium è ideale per diminuire parzialmente l’estensione delle rughe del viso, ma anche per coloro che presentano lesioni cutanee superficiali, segni dovuti a trattamento laser, conseguenze da peeling, dermoabrasione, incisioni chirurgiche e in caso di ustioni di primo grado. E’ indicato anche in caso di irritazioni cutanee localizzate causate dal sole, vento, freddo e da disturbi ormonali.matricium-rughe

Come detto si usa quotidianamente. Si applica sul viso deterso prima di andare a dormire la sera e restituisce, dopo pochi giorni, luminosità e brillantezza al viso dando un aspetto più rilassato al volto. Il trattamento dura 1 mese e può essere ripetuto 4 volte durante l’anno.

All’ interno della fiale ci sono elementi che si trovano naturalmente nella pelle come aminoacidi, vitamine, sali minerali e peptidi. Si ricreano così le condizioni ottimali per la vita delle cellule responsabili dell’elasticità della pelle. Matricium di Bioderma non è né un cosmetico, né un medicinale, ma un dispositivo medico di libera vendita nelle farmacia che può essere acquistato senza prescrizione medica. Si trova anche su molti store online di prodotti di bellezza.

I principali componenti di Matricium (non è presente però la percentuale): Ialuronato di sodio, cloruro di sodio, L-Alanyl-L-glutammina, D-glucosio, L-Arginina HCL, Acetato di sodio, sodio fosfato, L-Leucina, L-serina, cloruro di magnesio, L-Valina, Sodio piruvato, L-lisina HCL, L-Istidina HCL, L-cisteina HCL, Adenina, L-treonina, inositolo, Acido Glutammico, L-asparagina, L-metionina, L-tirosina sodio, L-fenilalanina, L-triptofano, L-alanina, glicina, L-Isoleucina, Acido Aspartico, solfato di sodio, Acido Folico, timidina, Cyanocobalamine, D-calcio pantotenato, tiamina HCL, Acido Lipoico, solfato di zinco, Salicilato di sodio, piridossina HCL, Nicotinamide, Riboflavina, D-biotina, solfato di ramee, ammonio molibdato, Vanadateo d’ammonio, L-prolina, idrossiprolina, Acido Ascorbico, adenosina, guanina, desossiribosio, ribosio, fosfato di sodio Dibasique diidrato, Peptidi bioattivi, frutto-oligosaccaridi, xilitolo, Ramnosio monoidrato, mannitolo.

Testato contro il Nickel il prodotto è Ipoallergenico e Non comedogenico.

Alternativa non Chirurgica per il Naso il RinoFiller a base di acido ialuronico

Per modificare una gobbetta oppure risistemare il profilo del naso fino ad oggi bisognava affidarsi ad un intervento chirurgico di rinoplastica. Da qualche anno molti specialisti propongono come alternativa la tecnica del “rinofiller“. Per “aggiustare” quindi lievi imperfezioni del naso si può ricorrere a questa procedura che consiste nell’iniettare acido ialuronico o idrossiapatite di calcio in punti strategici come l’attaccatura o la base del naso.

Per sollevare la punta si può anche iniettare qualche goccia di tossina botulinica nel muscolo che ne causa la discesa. Il risultato finale è un naso più regolare e simmetrico a costi accessibili che non comporta l’utilizzo del bisturi del chirurgo.

La seduta inizia con l’applicazione di una pomata anestetica e l’applicazione di ghiaccio che dura circa 20 minuti. Al termine del trattamento è già possibile osservare il miglioramento estetico del naso. Ci potrebbe essere un lieve gonfiore, però transitorio, immediatamente dopo le iniezioni con la comparsa di qualche piccolo livido. Si può comunque ritornare alle proprie normali attività subito dopo l’intervento.

La procedura di “riempimento” di rinofiller non è definitiva. Acido ialuronico e altri composti vengono riassorbiti in maniera naturale dal corpo umano dopo un lasso di tempo che va dai 10 ai 12 mesi. Trascorso questo periodo si ritorna al vecchio profilo. E’ possibile comunque effettuare nuovamente l’intervento anche più volte nel corso della vita.

I costi: si spende dai 400 ai 600 euro. Dipende dalla quantità di materiale utilizzato e dal professionista che esegue l’intervento. Molti medici propongono questa procedura nei loro studi, privatamente, in varie città d’Italia, ad esempio il Dott. Dondè a Milano, Palermo o Torino.

C’è da ricordare in ogni caso che un intervento di Rinofiller corregge solo un problema estetico e non il problema funzionale della deviazione del setto nasale, in quest’ultimo caso la chirurgia rimane l’unico rimedio.

Laresse e Erelle Filler Riempitivi per le rughe a base di Carbossimetilcellulosa

Un nuovo filler per combattere le rughe ed il fotoinvecchiamento cutaneo del viso è arrivato recentemente dagli Stati Uniti dove viene già abbondantemente utilizzato. Il nome commerciale dei prodotti è Laresse e Erelle . Si tratta di gel iniettabili a base di carbossimetilcellulosa, presente al 70% e di microsferule di idrossiapatite di calcio.

La prima sostanza è un polisaccaride bio sintetico di derivazione non animale molto simile all’ acido polilattico responsabile dell’ effetto di riempimento del viso, mentre l’idrossiapatite di calcio, già presente in prodotti come il Radiesse, stimola i fibroblasti alla sintesi del collagene.

Questi prodotti quindi, utilizzati come sempre da uno specialista, oltre ad essere filler riempitivi per rughe sono anche biostimolanti. Per le loro caratteristiche di elasticità e viscosità sono indicati per la ridefinizione del contorno mandibolare, per dare volume agli zigomi e come detto per il riempimento di piccoli solchi del viso.

Rispetto all’ acido ialuronico hanno una durata leggermente maggiore, che in alcuni casi può arrivare anche a 12 mesi. Si possono ottenere ottimi risultati già dopo una seduta anche se il costo del trattamento è maggiore di circa un 20% rispetto agli altri filler. I prezzi partono infatti da 500 euro per un trattamento completo per il viso.

La Carbossimetilcellulosa è una sostanza sicura che si riassorbe dal corpo umano in maniera naurale e non da’ atto a fenomeni di mutagenesi o carcinogenesi (formazione di neoplasie). Alcuni studi evidenziano un effetto battericida all’interno dei tessuti, rendendola quindi estremamente sicura per gli usi di medicina estetica.

Il Siero Midnight Recovery Concentrate per il lifting della pelle del viso

siero kiehlSiamo cresciuti con l’idea che l’uso di olii non sia un bene per la pelle. Troppo grasso che ostruisce i pori e danneggia la cute, dicono i dermatologi. Kiehl’s, marca newyorkese presente ora anche in Italia, lancia invece il suo siero (Midnight Recovery Concentrate) di realizzazione botanica e naturale, senza acqua e a base di enotera (si estrae dal fiore della Primola) che mantiene la pelle idratata ed elastica e squalano, grasso vegetale con una struttura molecolare simile a quella dei lipidi della pelle.

I laboratori di ricerca di Kiehl’s, nata nel 1851 in una farmacia di New York, hanno dimostrato che l’olio naturale è in grado di fornire un aiuto più efficace rispetto alle creme, dato che quelli essenziali hanno una piccola struttura molecolare che penetra facilmente la pelle. Non è comunque una novità. L’uso dell’ olio viene utilizzato nella cura della pelle da secoli, in particolare nella medicina ayurvedica e sono molte le donne che usano quello di Argan o di Jojoba anche sul viso per combattere le rughe ed idratare la pelle. E ‘anche un punto di forza che si ritrova in prodotti di marche come Darphin, Clarins e Decleor.

Il Midnight Recovery Concentrate di Kiehl’s si chiama così perchè “vive” di notte. Agisce infatti nelle ore in cui l’epidermide è naturalmente predisposta ad un miglior assorbimento degli olii attivi, da mezzanotte alle 4 della mattina. In questo lasso di tempo infatti il flusso del sangue aumenta, il ricambio cellulare è al top così come la capacità di assorbire i principi attivi del siero.

Il prodotto di Kiehl’s è al 98% composto da ingredienti naturali e non ha parabeni. Ci sono inoltre oli essenziali di lavanda, coriandolo, semi del frutto di Rosa Canina che insieme forniscono un apporto di Omega 3, 6 e 9 capaci di dare un rinforzo alla barriera cutanea e mantenere la pelle idratata e liscia.

Attrici come Julienne Moore, Uma Turman e Jessica Alba hanno recentemente ammesso di far uso del siero della Kiehl’s. Il prodotto è acquistabile online sul sito della Kiehl’s oppure nei punti vendita sparsi in Italia.

Un flaconcino da 50 Ml costa 55 euro, va applicato prima di andare a dormire nella quantità di 2 o 3 gocce con la punta delle dita picchiettando dolcemente su guance, mento e fronte per distribuirlo uniformemente.

 

La Terapia Fotodinamica per ridurre Rughe e Cicatrici

terapia fotodinamicaLa terapia fotodinamica è una metodica non chirurgica che fa uso della luce (processo fotochimico) per ridurre rughe, problemi di pigmentazione, cicatrici da acne, teleangectasie, cheratosi attinica, maculopatie e discromie.

La tecnica è relativamente nuova, viene infatti utilizzata nella medicina estetica dal 2001. I concetti alla base del suo funzionamento sono allo stesso tempo semplici e complicati. Esistono sostanze chimiche, note come porfirine, che  reagiscono alla luce. Quasi tutti hanno sentito parlare della clorofilla, che è responsabile del colore verde delle foglie. La clorofilla, quando è esposta alla luce, è in grado di eliminare l’anidride carbonica dall’atmosfera e convertirla in ossigeno.

Molti anni fa  gli scienziati hanno scoperto una serie di porfirine note come acido levulinico. Queste porfirine sono inerti finchè non vengono esposte alla luce. L’effetto era più potente se la luce era blu. Nel nostro caso l’ acido levulinico riesce a selezionare le cellule cattive (radicali liberi) e a trasformarle in cellule normali.

La terapia fotodinamica quindi utilizza un farmaco fotosensibilizzante come detto a base di acido amino levulinico (un farmaco che contiene dei principi che lo fanno attivare se esposto alla luce) che viene applicato sul viso e deve essere assorbito in un arco di tempo che va dalle 4 alle 12 ore. La pelle viene poi esposta ad una luce che ha una lunghezza d’onda di circa 630 nanometri.

Come funziona la Terapia Fotodinamica:

questa metodica agisce direttamente sulla parte danneggiata della cute, senza intaccare cellule e tessuti sani e non presenta rischi significativi se non un rossore che può essere presente nel paziente anche per qualche giorno. Il paziente deve esporsi per circa 10 minuti alla luce, molto intensa, di colore rosso. Per questo motivo vengono fatti indossare degli occhiali protettivi che andranno portati anche nelle successive 24 ore.

La tecnica ha dei vantaggi rispetto ad esempio alla criochirurgia tradizionale (congelamento con azoto liquido) che tratta soltanto una parte del viso, mentre la fotodinamica è molto mirata.

Cosa può fare per il Ringiovanimento cutaneo

nel campo estetico è indicata nel trattamento di cicatrici da acne, ma anche nel ridurre l’evidenza di rughe nel viso e nel collo, come dimostrato in questo studio  che evidenzia come si comporti meglio di un trattamento con Laser Ipl a luce pulsata.

Quali sono gli effetti collaterali?

Dopo il trattamento gli effetti collaterali più comuni sono:
un bruciore che può durare dalle 24 alle 48 ore, rossore e gonfiore che può rimanere fino a 72 ore dall’intervento. Formazione di crosticine che permangono fino ad una settimana successiva al tratta,emto. E’ molto importante che i pazienti utilizzino subito dopo il trattamento delle creme solari con protezione massima, anche se lasciano l’ambulatorio in auto. La crema va applicata fino ad un mese dopo il trattamento.

Prezzi

un trattamento costa dalle 300 alle 500 euro e viene eseguito da medici dermatologi. La terapia fotodinamica viene effettuata a Roma, Milano, Verona. Padova, Venezia, Napoli e Bari.