Il Lifting Frontale Endoscopico per eliminare le Rughe

Sebbene il concetto dell’ utilizzo di un’ incisione coronale, quella dietro i capelli per intenderci, per tirare su la fronte e le sopracciglia sia stato introdotto nel 1962 , il lifting frontale non è stato mai incorporato nella procedura di lifting del viso fino al 1974. Successivamente l’incisione coronale è diventata rapidamente uno standard di questa procedura. Dalla metà degli anni 1990, tuttavia,questa tecnica di incisione coronale è stata sostituita con l’introduzione della tecnica endoscopica che produce cicatrici più piccole e meno perdita di sensibilità del cuoio capelluto.

Oggi, i risultati chirurgici che possono essere ottenuti da questa tecnica per un lifting facciale sono paragonabili a quelli che si avevano con la vecchia incisione coronale , ma con molti meno effetti collaterali indesiderati come: lunghe cicatrici, alopecia e disestesie del cuoio capelluto.

La maggiorparte dei pazienti che si recano dal chirurgo per un lifting frontale si lamenta che il loro viso appare stanco, triste o addirittura arrabbiato anche se loro non provano quelle emozioni. Questi pazienti vogliono ricorrere alla chirurgia estetica per rimuovere questo aspetto che comunica stati emotivi negativi, e quasi sempre danno per scontato che ciò si possa realizzare con una procedura di blefaroplastica, ovvero di rimozione isolata di grasso sopra e sotto gli occhi. Di conseguenza, sono sorpresi quando sentono dirsi che hanno bisogno di una operazione chirurgica più complessa.

Il chirurgo ha il compito delicato e talvolta difficile di aiutare il paziente a capire che il problema non coinvolge solo le palpebre, ma anche i tessuti adiacenti che si trovano intorno agli occhi.

I segni caratteristici dell’ invecchiamento che vengono affrontati con la procedura di lifting frontale endoscopico sono

  • ptosi (abbassamento) delle sopracciglia
  • rimozione della cute palpebrale in eccesso
  • rughe della fronte trasversali
  • rughe glabellari verticali / oblique / trasversali

E ‘utile per il paziente capire che questi cambiamenti del suo aspetto sono stati prodotti da una cascata di eventi che si sono succeduti con il passare del tempo. L’abbassamento del sopracciglio è determinato dagli effetti della gravità sommati alla contrazione di alcuni muscoli che formano le rughe della fronte (le glabellari) , quelle oblique e le zampe di gallina intorno agli occhi.

Grazie a queste informazioni, il paziente può capire che gli inestetismi tanto odiati non possono essere modificati se non si opera sulla pelle ridondante delle palpebre che viene trattata in concomitanza con una procedura di lifting frontale. L’effetto combinato produce un vantaggio estetico per il paziente che non può essere prodotto da ciascuna procedura effettuata da sola.

Infatti, se si fa solo una blefaroplastica il paziente avverte un progressivo abbassamento del sopracciglio laterale che renderà la zona orbitale più piccola. In futuro potrà accadere di ritrovarsi con una aspetto detto “beady-eye”, tipo occhio di pesce spostato verso le tempie.

La procedura chirurgica:

il lifting endoscopico frontale viene eseguito usando cinque incisioni nel cuoio capelluto (vedi foto al lato) . Attraverso le incisioni vengono ancorate delle piccole viti ai tunnel ossei per attaccare i fili che fisseranno i muscoli da tendere. Le incisioni del cuoio capelluto sono poi chiuse con punti metallici di sutura. I vantaggi della tecnica endoscopica sono le incisioni limitate e la dissezione controllata. Gli svantaggi sono l’spese di acquisto delle apparecchiature endoscopiche, la curva di apprendimento per utilizzare efficacemente le attrezzature, e la difficoltà della procedura che deve essere effettuata da un bravo chirurgo.

La procedura di lifting frontale combinato con quella di blefaroplastica superiore riesce ad ammorbidire le linee trasversali della fronte trasversali quasi sempre senza toccare il  muscolo frontale.Sia la blefaroplastica che le procedure di lifting frontale servono per eliminare l’eccesso di pelle della palpebra superiore che sembra stimolare il riflesso delle sopracciglia e riduce le linee sulla fronte trasversali.

Dopo l’intervento:
solitamente dopo l’operazione i pazienti lamentano una sensazione di pressione e di “tensione” sulla fronte e l’area delle tempie. Dato che la blefaroplastica è di solito eseguita in collaborazione con il lifting frontale, le palpebre non possono chiudersi completamente per 3 – 4 giorni. Per proteggere la cornea dall’esposizione della luce può essere applicato un unguento lubrificante negli occhi ogni qualvolta l’paziente dorme, oppure un intervento di tarsoraffia può essere necessario per chiudere parzialmente gli occhi.

I bendaggi vengono rimossi il giorno dopo dell’ operazione se abbiamo eseguito in maniera isolata il lifting endoscopico frontale, così come vengono tolti i drenaggi. Si può utilizzare ad usare lo shampoo il giorno successivo. Generalmente i lividi crescono per i primi 2-3 giorni rimangono stabili per altre 48 ore e poi iniziano a diminuire. I punti di sutura vengono rimossi in un periodo compreso tra 10 e due settimane.

Complicazioni:

cicatrici e un alopecia possono possono verificarsi. Questa complicazione può essere evitata o minimizzata quando la chiusura viene fatta ad un muscole temporale più profondo.

La paralisi muscolo frontale del nervo facciale è quasi sempre transitoria, ma il pieno recupero può richiedere diverse settimane.Alterazioni a lungo termine o permanenti di sensibilità al livello del cuoio capelluto si presentano con l’approccio dell’incisione coronale mentre sono più limitate con la tecnica endoscopica.
Il paziente potrebbe manifestare anche prurito del cuoio capelluto o sensazioni di formicolio.

Prezzi:
un intervento di lifting frontale endoscopico abbinato alla blefaroplastica costa circa 6-8 mila euro a Roma. Qualcosina in più si paga in città del nord Italia come Torino, Milano o Bologna, un po’ meno si paga a Napoli o Catania.

riferimenti Grabb and Smith’s Plastic Surgery (GRABB’S PLASTIC SURGERY) by Charles HM Thorne MD (2013-09-05)

Biorivitalizzazione Ringiovanimento Viso con il Prp autotrapianto di Sangue

Una delle nuove tecniche di ringiovanimento del viso che si è affacciata in Italia è senza dubbio l’autotrapianto di sangue Prp, Platelet Rich Plasma. Definito anche come il “lifting dei vampiri” è utile per ridare tono e freschezza al volto riducendo rughe e segni del tempo. Chiamato anche Biorivitalizzazione Prp questo trattamento viene utilizzato per curare anche lesioni nervose, tendiniti, osteoartriti, lesioni cardiache e per le lesioni ossee.

Quello che a noi interessa è l’applicazione nel campo della medicina estetica, vediamone da vicino il funzionamento: il nostro sangue viene prelevato in alcune zone del corpo, circa due provette, e successivamente “trattato”. Si mette in una centrifuga dove viene separata la parte più ricca di piastrine (platelet), quella che  contiene diversi fattori di crescita ed altre citochine che stimolano la guarigione delle ossa e dei tessuti molli .

Una volta terminato il trattamento di centrifuga si otterrà un liquido giallo, con un alto concentrato di piastrine. Questo liquido verrà iniettato nel nostro corpo e contribuirà, grazie al richiamo delle cellule staminali, a stimolare i fibroblasti e le cellule della rigenerazione dei tessuti del volto. Questa “biorigenerazione cellulare” auto indotta darà vita ad un rimodellamento della pelle, alla riduzione delle rughe e a dare più compattezza al viso grazie alla maggiore produzione di collagene .

Dato che è il proprio sangue ad essere utilizzato sono escluse forme allergiche e problemi legati al rigetto. Questa procedura non è considerata un lifting chirurgico, ma riesce a creare lo stesso effetto, seppur più blando e limitato nel tempo.

I risultati sono apprezzabili entro tre settimane dal trattamento e il miglioramento continua per i successivi 8 mesi fino a scomparire gradatamente fino a 2 anni dall’inizio. Le aree di trattamento includono guance, le rughe intorno agli occhi, le linee del sorriso, la piega naso-labiale, il collo e la mascella, le cicatrici da acne e altro ancora.

Il processo può durare dai 60 ai 90 minuti, a seconda della complessità. Per ottenere risultati ottimali, si consigliano tre trattamenti distanziati 4-6 settimane l’uno dall’altro.

Prezzi: circa 300-400 euro a trattamento, a seconda delle zone scelte. Ovviamente il costo è influenzato dal professionista che lo effettua e dalla città in cui opera lo specialista. A Napoli o a Catania avrà probabilmente un prezzo più basso rispetto a Milano o Torino.

Qui sotto un Video del trattamento Prp per il ringiovanimento del Viso.

Perchè una persona ha più rughe di altre

Come mai alcune persone invecchiano meglio di altre? Perchè ci sono uomini e donne che a 40 anni hanno il viso segnato mentre altri ne dimostrano 10 di meno? Diciamo che per buona parte il problema è genetico, dipende molto dalla qualità delle cellule del derma, che in alcune persone rallentano la loro attività precocemente.

Contano poi la qualità della pelle più è secca che tende a segnarsi e la forma del viso: le rughe si formano prima su un volto magro o lungo perché questa struttura scheletrica non offre sostegno alla pelle che diventa sempre più sottile e tende a scivolare verso il basso.

Gli stili di vita: fumo, consumo eccessivo di alcol e droghe, una vita dura, ma anche un’alimentazione sregolata, il ricorso a diete drastiche, condizioni prolungale di stress, nonché l’esposizione non protetta ai raggi del sole sono tutti fattori che compromettono l’equilibrio della pelle, favorendone un precoce invecchiamento.rughe

Il consumo di zucchero favorisce le rughe: troppo glucosio aumenterebbe l’insorgere di rughe. Lo  sostengono alcuni medici dell’università di Leiden. in Olanda, che hanno pubblicato una ricerca secondo la quale troppo zucchero può compromettere la qualità della pelle, qui i risultati della ricerca. In particolare, è stato notato che ridurre il dolce farebbe sembrare più giovani di qualche anno, gli eccessi rappresentano, infatti, un fattore di invecchiamento precoce.

Il sole: l’esposizione prolungata al sole, nelle ore più pericolose (11-16) è responsabile del fotoinvecchiamento della pelle che se si somma all’ invecchiamento biologico legato all’età, determina la comparsa delle rughe. Proteggersi quindi è la migliore strategia preventiva: servono i solari quando ci si espone in modo diretto al sole, ma anche idratanti e trattamenti da giorno con filtri solari da usare tutto l’anno.

I pensieri della vita: il pensiero positivo, l’ottimismo, il gioire di piccole cose della vita facilita il rilascio di endorfine, sostanze che distendono la muscolatura e tendono a spianare le rughe legate alle contratture da nervosismo.

La dieta: abbiamo già visto che ci sono degli alimenti che aiutano a combattere le rughe, il pesce sopratutto, ricco di Omega 3, In particolare il salmone che contiene il dimetilaminoetanolo sostanza antiinfiammatoria naturale che contribuisce a mantenere l’elasticità cutanea.

Come capire se invecchiamo bene rispetto all’ età che abbiamo

Lo stato di invecchiamento, lo sappiamo, non corrisponde necessariamente all’età anagrafica. Esiste un test genetico, su cellule prelevate dalla bocca con un tampone, che trova eventuali piccole mutazioni (polimorfismi) dei geni che regolano alcuni processi cellulari connessi con l’invecchiamento. Ciò è utile per capire se siamo predisposti o meno a un loro malfunzionamento e quali sono i nostri punti deboli.

Esami del sangue e delle urine, invece, valutano l’eventuale alterazione di alcuni biomarcatori dell’invecchiamento (come omocisteina, citochine infiammatorie, proteina C infiammatoria, fibrinogeno e proteine glicate), segno di un malfunzionamento di questi processi già in atto. In più, permettono di analizzare i livelli degli ormoni, dei radicali liberi, degli acidi grassi,le concentrazioni di vitamine, oligoelementi e metalli pesanti, e individuare squilibri e carenze.

Questi test costano tra i 100 ed i 300 euro per quelli di laboratorio e dai 200 in su (dipende dal numero di esami) per il test.

 

Silhouette Lift fili per Tirare su il Viso senza Bisturi

lifting senza chirurgiaBrevettate nel 2006 negli Stati Uniti le suture di sospensione “Silhouette Soft” permettono di eseguire un lifting del viso senza l’uso del bisturi. Si tratta di un intervento mini invasivo per il ringiovanimento che attraverso dei “fili” innestati nel volto, risollevano i muscoli dando tono e vigore al viso.

Già da tempo i fili speciali per risollevare i lineamenti del viso venivano usati per gli interventi cosiddetti “soft”, ma richiedevano una preparazione sia pre sia post operatoria con risultati che non sempre corrispondevano alle aspettative dei pazienti.

Con l’introduzione della tecnica “Silhouette Lift” c’è stato un passo avanti. I fili sono completamente riassorbibili perché costituiti da propilene a cui sono attaccati coni di sostegno e trazione dei muscoli in acido poliglicolico. Il medico inoltre, non deve ricorrere ad alcuna tecnica chirurgica, bensì solo iniettiva, senza ricovero né dolore per la persona interessata. Non solo quindi un utilizzo dei fili di sospensione per il viso, ma anche per braccia, collo, glutei e cosce.

In pratica è un filo di sospensione molto morbido messo in tensione da coni che si ancorano al tessuto sottocutaneo e risollevano ciò che la forza di gravità ha fatto scivolare in basso. Il filo viene riassorbito nel tempo (in due anni, ma anche 6 mesi), ma nel frattempo migliora l’aspetto della pelle, stimolandola a produrre nuovo collagene ricompattandosi.

L’impianto di questi fili non richiede alcuna preparazione preventiva, ma solo una semplice anestesia locale, simile a quella che si pratica per le più conosciute “punturine” di vitamine o filler riempitivi. In effetti, si tratta di una tecnica esclusivamente iniettiva ed eseguibile in un ambulatorio medico.

– Ogni filo viene inserito nel tessuto sottocutaneo attraverso un piccolissimo foro di entrata; è poi compito dei vari coni “lavorare” sottocute poiché costituiscono un solido ancoraggio del filo. La loro particolarità è dì restare nella posizione iniziale sino al completo assorbimento senza spostarsi.
– L’effetto ringiovanente è graduale, giorno dopo giorno. La pelle migliora per la sferzata ricevuta e il risultato definitivo e molto naturale, perché pur trattandosi di un leggero lifting mantiene la mobilità e la vivacità delle espressioni facciali originali.
– Possono verificarsi un leggero gonfiore, arrossamento o ecchimosi, ma sono reazioni transitorie, che tendono a scomparire in un paio di giorni.

L’intervento di esegue in anestesia locale con sedazione e dura circa 40 minuti. Per il viso si pratica un’incisione di circa 2 cm nella regione temporale coperta dai capelli, per il collo l’incisione e più piccola e si realizza dietro l’orecchio. La tecnica standard prevede l’utilizzo di 4 suture per lato nel viso e due nel collo. Una volta terminato l’intervento si suturano le incisioni e si applicano dei cerotti di sostegno che saranno rimossi dopo tre giorni.

Decorso post operatorio:
La prima settimana dopo l’intervento è molto importante e delicata. Le suture per quanto appiano un sistema di ancoraggio molto forte, hanno bisogno di un certo tempo perché la fibrosi le ancori saldamente al tessuto sotto cutaneo. Per questo motivo si suggeriscedi seguire un’alimentazione blanda, evitando cibi duri da masticare e di forzare l’apertura della bocca per sbadigli o cure odontoiatriche.
Il rischio è quello di “sganciare” i coni dal tessuto compromettendo il risultato.

Prezzi:
circa 500 euro per filo. Mediamente sono necessari da 2 a 4 fili per intervento, ma ciò dipende dalle caratteristiche del volto della persona.

Il Siero Midnight Recovery Concentrate per il lifting della pelle del viso

siero kiehlSiamo cresciuti con l’idea che l’uso di olii non sia un bene per la pelle. Troppo grasso che ostruisce i pori e danneggia la cute, dicono i dermatologi. Kiehl’s, marca newyorkese presente ora anche in Italia, lancia invece il suo siero (Midnight Recovery Concentrate) di realizzazione botanica e naturale, senza acqua e a base di enotera (si estrae dal fiore della Primola) che mantiene la pelle idratata ed elastica e squalano, grasso vegetale con una struttura molecolare simile a quella dei lipidi della pelle.

I laboratori di ricerca di Kiehl’s, nata nel 1851 in una farmacia di New York, hanno dimostrato che l’olio naturale è in grado di fornire un aiuto più efficace rispetto alle creme, dato che quelli essenziali hanno una piccola struttura molecolare che penetra facilmente la pelle. Non è comunque una novità. L’uso dell’ olio viene utilizzato nella cura della pelle da secoli, in particolare nella medicina ayurvedica e sono molte le donne che usano quello di Argan o di Jojoba anche sul viso per combattere le rughe ed idratare la pelle. E ‘anche un punto di forza che si ritrova in prodotti di marche come Darphin, Clarins e Decleor.

Il Midnight Recovery Concentrate di Kiehl’s si chiama così perchè “vive” di notte. Agisce infatti nelle ore in cui l’epidermide è naturalmente predisposta ad un miglior assorbimento degli olii attivi, da mezzanotte alle 4 della mattina. In questo lasso di tempo infatti il flusso del sangue aumenta, il ricambio cellulare è al top così come la capacità di assorbire i principi attivi del siero.

Il prodotto di Kiehl’s è al 98% composto da ingredienti naturali e non ha parabeni. Ci sono inoltre oli essenziali di lavanda, coriandolo, semi del frutto di Rosa Canina che insieme forniscono un apporto di Omega 3, 6 e 9 capaci di dare un rinforzo alla barriera cutanea e mantenere la pelle idratata e liscia.

Attrici come Julienne Moore, Uma Turman e Jessica Alba hanno recentemente ammesso di far uso del siero della Kiehl’s. Il prodotto è acquistabile online sul sito della Kiehl’s oppure nei punti vendita sparsi in Italia.

Un flaconcino da 50 Ml costa 55 euro, va applicato prima di andare a dormire nella quantità di 2 o 3 gocce con la punta delle dita picchiettando dolcemente su guance, mento e fronte per distribuirlo uniformemente.