Mesoterapia per il Viso per il Ringiovanimento

Il trattamento di mesoterapia si propone di ridurre in maniera preventiva il foto-invecchiamento della pelle combattendo rughe e segni del tempo. Questa tecnica è da tempo utilizzata per migliorare il drenaggio linfatico degli arti inferiori per combattere cellulite e ritenzione idrica.

Il nome deriva da meso e derma, dal greco “medio” e derma, lo strato della pelle che si trova sotto l’epidermide. E’ lì infatti che vengono iniettati, tramite aghi molto fili, le sostanze che andranno a nutrire la cute, ad esempio vitamine per il viso, acido ialuronico, sostanze lipolitiche.

mesoterapia_viso

Gli effetti della mesoterapia sul viso sono piuttosto immediati, le pazienti riferiscono di un volto più luminoso e disteso nei giorni seguenti la seduta. Ciò è dovuto probabilmente ad una stimolazione del ricambio sovra epiteliale, ad un’azione tonica sui muscoli e ad un incremento del flusso della microcircolazione che favorisce il drenaggio dei cataboliti dei tessuti locali contribuendo a una pulizia più profonda dell’epidermide.

Da ciò deriva la scelta delle sostanze utilizzate dei medici nel nel trattamento mesoterapico delle rughe:
•   sostanze vasodilatatrici sono indicate nelle pelli pallide fredde e atoniche;
•   i venotonici nelle pelli con stasi capillare e venulare;
•   i farmaci con azione trofica in tutti i tipi di pelle.

Come avviene la procedura di Mesoterapia per il viso

si esegue in ambulatorio, solo un medico può effettuarla. Vengono utilizzati aghi oppure pistole speciali dotate che effettuano punture sul viso. Le siringhe hanno una capacità di 5 ml o inferiore e aghi da 0,40 mm x 4 mm, accorciati a 0,5-2 mm con rondelle di silicone nella tecnica manuale, o tramite regolazione della mira della pistola.

Il mix di sostanze è composto da procaina come anestetico, papaverina come vasodilatatore, un polivitaminico del gruppo B con riboflavina e senza, vitamina C, biotina, acido pantotenico, nicotinamide (Fosforilasi) e carnitina. Si possono usare anche singolarmente in siringhe differenti per scegliere con l’aiuto del paziente i più efficaci.

Si eseguono delle punture lungo il decorso delle rughe da trattare con la punta dell’ago inclinata di circa 30 gradi, mantenendo sempre un’ottima visuale. Terminato il trattamento dei solchi, si passa sulle aree parallele alle rughe. La penetrazione dell’ago deve essere anche qui superficiale e obliqua.

Quante sedute devo fare per avere dei risultati?

Salvo situazioni particolari, la frequenza delle sedute segue il medesimo protocollo descritto per la cellulite: una seduta alla settimana per un mese, una seduta ogni quindici giorni per due mesi e una seduta per altri quattro mesi.

Sia nel trattamento manuale che in quello assistito da pistola manuale o elettronica, si deve usare l’accortezza di proteggere sempre l’area degli occhi del paziente. Inoltre, poiché l’operatore concentra il suo lavoro sul volto del paziente per tempi che durano almeno 20-30 minuti, deve indispensabilmente indossare una mascherina chirurgica.

Prezzi:

ogni seduta di mesoterapia per il viso costa circa 150-200 euro, molti specialisti offrono pacchetti di 5 sedute a prezzi compresi tra 500 e 600 euro.

Lifting viso con fili di sospensione Costi e Caratteristiche

Una delle procedure di ringiovanimento non invasive, che non utilizza il bisturi del chirurgo per effettuare incisioni, è rappresentata dal lifting del viso con fili di sospensione. Si tratta di un piccolo intervento in cui il medico inserisce dei fili di trazione nel tessuto sottocutaneo che mettono in tensione i muscoli del viso distendendo la pelle. I costi sono nettamente inferiori rispetto a quelli di un lifting tradizionale, ma gli effetti sono limitati nel tempo. Vediamo nel dettaglio come funziona.

Chiamato anche il lifting della pausa pranzo, o happy lift, quello con i fili di sospensione è una tecnica molto utilizzata da coloro che vogliono avere un primo approccio alla medicina estetica o che non se la sentono di ricorrere ad una procedura invasiva con decorsi post operatori impegnativi.

lifting del viso con fili di sospensione

Non si tratta di una novità, i fili di trazione o di sospensione compaiono nella medicina estetica già da parecchio tempo. I primi fili erano di una materiale non riassorbibile a forma di spina di pesce, poi sono diventati riassorbibili. Oggi si usa il PDO (Polidiossanone), un bio materiale completamente riassorbibile usato anche in oculistica, in ortopedia e per suture chirurgiche. Si usano per il viso, per il collo e, aumentando la lunghezza del filo, si possono usare anche per le braccia, cosce e glutei. Hanno un effetto a lunga durata, anche se ricordiamo TEMPORANEO, non più di 4-10 mesi.

Come avviene la procedura di inserimento dei fili

si utilizza un ago sottilissimo che ha le caratteristiche di non provocare nessun tipo di dolore. All’ ago è collegato un filo che viene ancorato in punti strategici del derma. Non c’è bisogno di anestesia locale. Gli aghi vengono messi anche in numero elevato, a seconda del problema da risolvere. Sulle cosce e sui glutei saranno sicuramente in numero superiore rispetto al viso.

Dopo averli inseriti gli aghi vengono estratti e così si deposita il filo.

Non ci sono ecchimosi ne’ lividi. La paziente, finito l’intervento che non dura non più di 20 minuti, può tornare alle normali attività, anche fisiche. Il trattamento può essere effettuato più volte durante l’anno.

Il costo di un intervento di Lifting viso con fili di sospensione è di circa 200-500 euro per trattamento, a seconda del professionista che lo esegue. Non in tutte le città hanno strutture in cui può essere effettuato questo trattamento, sicuramente ci sono a Roma, Milano, Palermo, Napoli, Bologna, Firenze e Torino.

I fili in PDO servono anche a stimolare la formazione di sostanze sia elastiche che di riempimento. Ciò avviene per un effetto meccanico, i fili tendono i muscoli, e sia perchè la stimolazione del filo è diretta verso fibroblasti che hanno la capacità di rigenerarsi.

I risultati non sono immediati, come detto bisogna aspettare del tempo perchè il ringiovanimento non è dovuto solo all’effetto tensore del filo, ma anche alla biostimolazione o biorivitalizzazione cellulare. Dalle 3 settimane in poi iniziamo a notare un tessuto più tonico, disteso, le rughe del viso tendono ad attenuarsi.

Lifting dei Glutei la Torsoplastica

torsoplaticaSi chiama Torsoplastica ed è l’intervento per rialzare e rassodare il sedere, un lifting dei glutei che coinvolge anche i muscoli del fondoschiena. La tecnica più utilizzata è quella inventata dal dottor Costantino Mendieta, chiamata Miami thong bum lift, che l’ha presentata a Londra al congresso annuale dei chirurghi estetici e plastici della Gran Bretagna, il BAAPS.

La tecnica perfezionata dal chirurgo brasiliano prevede preventivamente un intervento di liposuzione per estrarre grasso lì dove è in eccesso, ad esempio cosce e addome. Una volta purificato lo stesso si inietta in mezzo agli strati di muscoli dei glutei, per creare quelle rotondità perfette, un po’ come i lati B d’eccezione come quelli di Jennifer Lopez, Beyonce’ e Kim Kardashian.

Dato che le cellule adipose sono disposte in mezzo ai muscoli, beneficiano di un maggiore apporto di sangue e quindi non muoiono. Le cicatrici che rimangono dopo l’iniezione del grasso sono nascoste nella parte interna dei glutei, dove si posiziona il tanga. Non c’è bisogno di nessun impianto di protesi.

L’intervento di liposuzione può avvenire anche in congiunzione con quello di lifting dei glutei, ciò avviene quando è presente un eccesso di adipe localizzato proprio sulla zona del sedere. In questo caso, ed in maniera preventiva, viene aspirato il grasso in eccesso, senza però riposizionarlo. Successivamente avviene l’intervento di torsoplastica vero e proprio.

Come avviene l’intervento chirurgico

prima dell’ operazione, anche in questo caso, si eseguono una serie di analisi per controllare la funzionalità dei reni, del cuore, la capacità cardiovascolare. Quindi analisi del sangue, urine, elettrocardiogramma e lasta al torace.

L’equipe media che esegue l’intervento è composta dal chirurgo plastico, dall’ anestetista e da una serie di medici ed infermieri che operano in sala chirurgica.

La torsoplastica si realizza iniziando ad incidere con il bisturi nella parte alta dei glutei. Viene eliminata la pelle in eccesso ed successivamente di mettono in tensione la struttura muscolo-cutanea.

La procedura chirurgica di lifting dei glutei dura circa 1 ora. Il paziente non può sedersi per circa 24-48 ore, il ritorno alle normali attività è previsto dopo due settimane, e quello alle pratiche  sportive dopo circa 1 mese.

Il risultato ottenuto è definitivo e si ottiene grazie all’ eliminazione della cute in eccesso e alla contemporanea tensione e sollevamento del gruppo muscolare che coinvolge i glutei.

Le cicatrici delle incisioni praticate con il bisturi sono molto leggere anche se evidenti. La forma è di una “Y” o di un’ala di gabbiano, in ogni caso si nascondono anche con un piccolo tanga o slip.

Gli effetti riportati con la torsoplastica sono ottimi: i glutei si riempiono, ottendono una nuova rotondità e si alzano notevolmente. La struttura muscolare che con il tempo si è abbassata o che comunque per conformità genetica è sempre stata tale, acquista tono.

In alcuni casi i medici possono, previo accordo con il paziente, prevedere l’impianto di protesi al silicone che si innestano sotto il grande muscolo gluteo. Si tratta di quei casi in cui il sedere non ha la “sostanza” o una giusta “pienezza”. La forma viene scelta in base alle caratteristiche dei glutei che si desidera ottenere. L’incisione per l’inserimento della protesi avviene lungo la linea che divide le due natiche oppure nella piega del gluteo che incontra la coscia.

I prezzi

un lifting ai glutei costa mediamente 5000 euro. Dipende ovviamente dal chirurgo che opera. Se vogliamo intervenire anche con l’impianto di protesi dobbiamo anche aggiungere il costo delle stesse.

Complicazioni

come ogni operazione chirurgica i rischi non mancano. Ci possono essere casi di Parestesia nella zona dei glutei, ovvero di perdità di sensibilità che potrebbe protrarsi a lungo dopo l’intervento. In questi casi viene praticato un leggero massaggio nella zona per evitare la formazione di Neuromi.

Infezioni sono rare ma possono accadere. Più comuni edemi e lividi che tendono a scomparire. Possono formarsi piccoli bozzetti o avvallamenti specie se si è utilizzata la procedura di riempimento tramite grasso autologo.

Possono presentarsi sieromi ed ascessi che vanno medicati, inoltre possibili contratture capsulari dovute all’ impianto delle protesi ed asimmetria dei glutei che impongono un nuovo intervento chirurgico.

Il lifting dei glutei senza CHIRURGIA

Un’alternativa all’ uso del bisturi per riempire e rassodare i glutei è l’uso di un filler dermale come l’acido ialuronico. Il Macrolane, nome commerciale del prodotto utilizzato in questi tipi di interventi  ed utilizzato anche per aumentare il volume del seno, viene iniettato direttamente sul sedere. L’effetto in questo caso però è temporaneo. Il filler viene riassorbito in maniera naturale dal corpo umano nel giro di 6-8 mesi. Costo di questa procedura circa 500 euro.

Riferimenti: wikipedia Inglese, Costantino Mendieta tecnica.

Matricium il trattamento in Fiale per le Rughe del Viso

Matricium di Bioderma è uno dei tanti prodotti antirughe che si è affacciato recentemente sul mercato. Si presenta in fiale monodose per uso topico coadiuvanti nella lotta contro il fotoinvecchiamento, ma non solo. Nella scatola, costo di circa 60 euro, si trovano 30 fiale da 1 ml. per un uso quotidiano. E’ realizzato dall’ azienda francese Bioderma che produce prodotti dermocosmetici nella sua sede di Lione e li distribuisce in tutto il mondo, Italia compresa.

Matricium è ideale per diminuire parzialmente l’estensione delle rughe del viso, ma anche per coloro che presentano lesioni cutanee superficiali, segni dovuti a trattamento laser, conseguenze da peeling, dermoabrasione, incisioni chirurgiche e in caso di ustioni di primo grado. E’ indicato anche in caso di irritazioni cutanee localizzate causate dal sole, vento, freddo e da disturbi ormonali.matricium-rughe

Come detto si usa quotidianamente. Si applica sul viso deterso prima di andare a dormire la sera e restituisce, dopo pochi giorni, luminosità e brillantezza al viso dando un aspetto più rilassato al volto. Il trattamento dura 1 mese e può essere ripetuto 4 volte durante l’anno.

All’ interno della fiale ci sono elementi che si trovano naturalmente nella pelle come aminoacidi, vitamine, sali minerali e peptidi. Si ricreano così le condizioni ottimali per la vita delle cellule responsabili dell’elasticità della pelle. Matricium di Bioderma non è né un cosmetico, né un medicinale, ma un dispositivo medico di libera vendita nelle farmacia che può essere acquistato senza prescrizione medica. Si trova anche su molti store online di prodotti di bellezza.

I principali componenti di Matricium (non è presente però la percentuale): Ialuronato di sodio, cloruro di sodio, L-Alanyl-L-glutammina, D-glucosio, L-Arginina HCL, Acetato di sodio, sodio fosfato, L-Leucina, L-serina, cloruro di magnesio, L-Valina, Sodio piruvato, L-lisina HCL, L-Istidina HCL, L-cisteina HCL, Adenina, L-treonina, inositolo, Acido Glutammico, L-asparagina, L-metionina, L-tirosina sodio, L-fenilalanina, L-triptofano, L-alanina, glicina, L-Isoleucina, Acido Aspartico, solfato di sodio, Acido Folico, timidina, Cyanocobalamine, D-calcio pantotenato, tiamina HCL, Acido Lipoico, solfato di zinco, Salicilato di sodio, piridossina HCL, Nicotinamide, Riboflavina, D-biotina, solfato di ramee, ammonio molibdato, Vanadateo d’ammonio, L-prolina, idrossiprolina, Acido Ascorbico, adenosina, guanina, desossiribosio, ribosio, fosfato di sodio Dibasique diidrato, Peptidi bioattivi, frutto-oligosaccaridi, xilitolo, Ramnosio monoidrato, mannitolo.

Testato contro il Nickel il prodotto è Ipoallergenico e Non comedogenico.

Ringiovanimento delle Mani Come viene Effettuato

lifting maniSpesso interveniamo in maniera massiccia con un lifting al viso, al collo, ma tralasciamo una parte importante del nostro corpo, le mani. Rivelano più di quanto possiamo credere sulla nostra età. Una faccia levigata e rilassata con mani grinzose fa insospettire più di una persona e, in ogni caso, non è armoniosa. Per prendersi cura delle mani ci sono tante soluzioni per il suo ringiovanimento.

Possiamo agire in maniera chirurgica con un lifting ma il più delle volte si opta per l’uso di filler riassorbibili. Il più utilizzato è senza dubbio l‘acido ialuronico, però di nuova concezione, specifico per pelli sensibili e delicate come quella del dorso delle mani. Altri dermafiller sono a base di microsfere di idrossiapatite di calcio, mentre tra le novità c’è un filler costituito dalla combinazione di microsfere di policaprolattone, polimero biodegradabile, e un gel a base di carbossimetilcellulosa.

Che cos’è l’acido ialuronico:

si tratta di uno dei componenti fondamentali dei tessuti connettivi, che conferisce alla pelle le proprietà di resistenza e mantenimento della forma. La sua mancanza è causa di indebolimento della cute con conseguente formazione di rughe. Con l’avanzare dell’età la sua concentrazione nei tessuti tende a diminuire.

La sua proprietà è quella di richiamare acqua al tessuti restituendo pienezza, tonicità e idratazione alla pelle, in ambito estetico cancella le rughe. Per le mani, ma anche per le braccia, si iniettano nel derma sostanze biocompatibili e riassorbibili. Aminoacidi in gel di agarosio allo 0,1%. Piccole iniezioni vengono fatte penetrare sollevando la cute per evitare travasi ematici, nella zona infatti ci sono numerosi vasi sanguigni. Vengono stimolati i citoplasti, ciò permette di dare una maggiore compattezza e tonicità alla cute.

Che cos’è l’idrossiapatite di calcio:

si tratta del principale costituente minerale del tessuto osseo. Il filler è composto da microsfere di ioni di calcio e fosfato (principali componenti delle ossa) insieme a una soluzione acquosa di gel.
– E’ considerato un prodotto biocompatibile e non necessita di alcun test allergico prima di sottoporsi al trattamento.
– E ‘in grado di sollecitare i fibrobfasti (cellule del tessuto connettivo) a formare nuovo collagene e mantenere il risultato correttivo per circa 12 mesi.

Che cos’è la carbossimetilcellulosa:

si tratta di un derivato della cellulosa, usato come addensante dei prodotti alimentari. Trova impiego in diversi settori merceologici: dai prodotti farmaceutici, alle vernici, a quelli cartacei.
– Inoltre, essendo un prodotto biocompatibile e biodegradabile non allergenico non provoca alcun effetto collaterale.
– In medicina estetica viene utilizzata perché crea nuova matrice Intercellulare e
mantiene il suo effetto di riparazione a lungo (un anno circa) senza l’aggiunta di sostanze chimiche.

Che cos’è il policaprolattone:

si tratta di una sostanza biocompatibile utilizzata da tempo in campo farmacologico e nelle applicazioni biomedicali.
– La sua caratteristica è il lento riassorbimento, molto apprezzata in campo estetico, perché consente di mantenere
nel tempo l’effetto correttivo e, quindi, ottimizzare il risultato estetico.
– In effetti, dalla ricerca scientifica è emerso che l’unione della carbossimetilcellulosa con il policaprolattone, oltre a garantire un bioriassorbimento controllato, consente di determinare prima di iniziare il trattamento, la durata dell effetto correttivo, di 12 oppure 24 mesi.
– Entrambe le sostanze stimolano la formazione di nuovo collagene, consentendo cosi la ristrutturazione del tessuti dermici assottigliati. Anche per questo filler non è richiesto alcun test di sensibilità preliminare al trattamento.

Il trattamento di ringiovanimento per le Mani

lo specialista dopo un’attenta visita inizia il trattamento. Dapprima si applica una crema anestetica, oppure si inietta direttamente sul dorso delle mani una piccola quantità di anestetico per attenuare il leggero fastidio che si avverte durante l’infiltrazione del filler.

Le microiniezioni dei filler dermali sono eseguite negli spazi interdigitali, seguite da un leggero massaggio per plasmare il prodotto. Per ottenere una distribuzione omogenea e la quantità controllata di prodotto, esiste una metodica che sostituisce la tradizionale siringa con una microcannula flessibile. Ciò consente di rendere il trattamento meno doloroso, di evitare ematomi e di rilasciare quantità di sostanza sempre uguali.

L’effetto del filler è immediato, il dorso delle mani è rimpolpato, le vene sono meno evidenti, gli spazi intermetacarpali appaiono meno profondi e la pelle meno flaccida e più tirata, sebbene i miglioramenti proseguono per qualche settimana. Non ci dovrebbero essere effetti secondari significativi, anche se non si può escludere una formazione di edemi e rossori.

In ogni caso è consigliabile, per qualche giorno, evitare saune e bagni caldi per scongiurare reazioni infiammatorie. Inoltre, per prolungare l’effetto “ringiovanimento” è consigliabile effettuare, con una cadenza decisa dal medico, un ciclo di sedute di peeling chimico per migliorare la consistenza della pelle. Nel corso del tempo gli effetti tendono a placarsi, scomparendo del tutto dopo circa 10-12 mesi.

I prezzi:

dipende dal tipo di filler utilizzato e dalla quantità utilizzata. I prezzi per una seduta vanno da 300 a 500 euro per tutte e due le mani.