Lifting dei Glutei la Torsoplastica

torsoplaticaSi chiama Torsoplastica ed è l’intervento per rialzare e rassodare il sedere, un lifting dei glutei che coinvolge anche i muscoli del fondoschiena. La tecnica più utilizzata è quella inventata dal dottor Costantino Mendieta, chiamata Miami thong bum lift, che l’ha presentata a Londra al congresso annuale dei chirurghi estetici e plastici della Gran Bretagna, il BAAPS.

La tecnica perfezionata dal chirurgo brasiliano prevede preventivamente un intervento di liposuzione per estrarre grasso lì dove è in eccesso, ad esempio cosce e addome. Una volta purificato lo stesso si inietta in mezzo agli strati di muscoli dei glutei, per creare quelle rotondità perfette, un po’ come i lati B d’eccezione come quelli di Jennifer Lopez, Beyonce’ e Kim Kardashian.

Dato che le cellule adipose sono disposte in mezzo ai muscoli, beneficiano di un maggiore apporto di sangue e quindi non muoiono. Le cicatrici che rimangono dopo l’iniezione del grasso sono nascoste nella parte interna dei glutei, dove si posiziona il tanga. Non c’è bisogno di nessun impianto di protesi.

L’intervento di liposuzione può avvenire anche in congiunzione con quello di lifting dei glutei, ciò avviene quando è presente un eccesso di adipe localizzato proprio sulla zona del sedere. In questo caso, ed in maniera preventiva, viene aspirato il grasso in eccesso, senza però riposizionarlo. Successivamente avviene l’intervento di torsoplastica vero e proprio.

Come avviene l’intervento chirurgico

prima dell’ operazione, anche in questo caso, si eseguono una serie di analisi per controllare la funzionalità dei reni, del cuore, la capacità cardiovascolare. Quindi analisi del sangue, urine, elettrocardiogramma e lasta al torace.

L’equipe media che esegue l’intervento è composta dal chirurgo plastico, dall’ anestetista e da una serie di medici ed infermieri che operano in sala chirurgica.

La torsoplastica si realizza iniziando ad incidere con il bisturi nella parte alta dei glutei. Viene eliminata la pelle in eccesso ed successivamente di mettono in tensione la struttura muscolo-cutanea.

La procedura chirurgica di lifting dei glutei dura circa 1 ora. Il paziente non può sedersi per circa 24-48 ore, il ritorno alle normali attività è previsto dopo due settimane, e quello alle pratiche  sportive dopo circa 1 mese.

Il risultato ottenuto è definitivo e si ottiene grazie all’ eliminazione della cute in eccesso e alla contemporanea tensione e sollevamento del gruppo muscolare che coinvolge i glutei.

Le cicatrici delle incisioni praticate con il bisturi sono molto leggere anche se evidenti. La forma è di una “Y” o di un’ala di gabbiano, in ogni caso si nascondono anche con un piccolo tanga o slip.

Gli effetti riportati con la torsoplastica sono ottimi: i glutei si riempiono, ottendono una nuova rotondità e si alzano notevolmente. La struttura muscolare che con il tempo si è abbassata o che comunque per conformità genetica è sempre stata tale, acquista tono.

In alcuni casi i medici possono, previo accordo con il paziente, prevedere l’impianto di protesi al silicone che si innestano sotto il grande muscolo gluteo. Si tratta di quei casi in cui il sedere non ha la “sostanza” o una giusta “pienezza”. La forma viene scelta in base alle caratteristiche dei glutei che si desidera ottenere. L’incisione per l’inserimento della protesi avviene lungo la linea che divide le due natiche oppure nella piega del gluteo che incontra la coscia.

I prezzi

un lifting ai glutei costa mediamente 5000 euro. Dipende ovviamente dal chirurgo che opera. Se vogliamo intervenire anche con l’impianto di protesi dobbiamo anche aggiungere il costo delle stesse.

Complicazioni

come ogni operazione chirurgica i rischi non mancano. Ci possono essere casi di Parestesia nella zona dei glutei, ovvero di perdità di sensibilità che potrebbe protrarsi a lungo dopo l’intervento. In questi casi viene praticato un leggero massaggio nella zona per evitare la formazione di Neuromi.

Infezioni sono rare ma possono accadere. Più comuni edemi e lividi che tendono a scomparire. Possono formarsi piccoli bozzetti o avvallamenti specie se si è utilizzata la procedura di riempimento tramite grasso autologo.

Possono presentarsi sieromi ed ascessi che vanno medicati, inoltre possibili contratture capsulari dovute all’ impianto delle protesi ed asimmetria dei glutei che impongono un nuovo intervento chirurgico.

Il lifting dei glutei senza CHIRURGIA

Un’alternativa all’ uso del bisturi per riempire e rassodare i glutei è l’uso di un filler dermale come l’acido ialuronico. Il Macrolane, nome commerciale del prodotto utilizzato in questi tipi di interventi  ed utilizzato anche per aumentare il volume del seno, viene iniettato direttamente sul sedere. L’effetto in questo caso però è temporaneo. Il filler viene riassorbito in maniera naturale dal corpo umano nel giro di 6-8 mesi. Costo di questa procedura circa 500 euro.

Riferimenti: wikipedia Inglese, Costantino Mendieta tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *