Creme lifting viso all’acido ialuronico

Prima di procedere con la chirurgia estetica si può tentare col migliorare la tonicità della nostra pelle con alcune creme lifting viso a base di acido ialuronico. Si spalmano direttamente lì dove si sono formate le rughe, ad esempio il contorno occhi, vicino la bocca, sulle guance. Facciamo però un passo indietro, cos’è l’acido ialuronico? Come funzionano le creme? Riescono veramente a ringiovanire il viso?

Cos’è l’acido ialuronico

Si tratta di un mucopolisaccaride che è presente quasi in ogni parte del corpo, ma specialmente nella pelle. L’acido ialuronico in natura ha la capacità di legare notevoli quantità di acqua proveniente dalla rete capillare, è necessario inoltre per mantenere in forma solubile i cataboliti, gli elettroliti ed i gas che si diffondono nei capillari e nelle cellule attraverso il liquido interstiziale. Questo fenomeno è essenziale per mantenere la pelle elastica e in una condizione fisica gelatinosa.

Quindi, l’acido ialuronico ha un ruolo fondamentale nel controllo della diffusione di sostanze nutritive, ormoni, vitamine e sali inorganici del tessuto connettivo e nell’eliminazione delle scorie del metabolismo, che possono dar luogo a reazioni di tipo infiammatorio.

Con l’aumentare dell’età, la quantità di acido ialuronico presente nell’organismo diminuisce così come il suo livello di polimerizzazione, che si traduce nell’ aumento di ritenzione di acqua, la pelle inoltre inizia a presentare alterazioni della sua condizione fisica e subisce un processo di invecchiamento che provoca una crescita della parte fibrosa a discapito di quella elastica.

In farmacia ci sono molte creme effetto lifting viso a base di acido ialuronico che vengono usate principalmente come creme idratanti o preparati anti-age. Tali preparati hanno lo svantaggio di utilizzare un basso peso molecolare di acido ialuronico, che è molto meno efficace rispetto a quello ad elevato peso molecolare. D’altra parte l’acido ialuronico è scarsamente solubile, ciò crea gravi problemi tecnici nella preparazione di formulazioni cosmetiche e farmaceutiche.

Per qualcuno quindi le creme lifting viso all’ acido ialuronico “normali” non hanno grande effetto proprio per la difficolta dello stesso ad essere solubile, ma il problema è stato risolto mischiando all’ acido ialuronico aminoacidi come la lisina, arginina, metionina e acido aspartico. Gli aminoacidi inoltre svolgono un ruolo essenziale nella formazione di sostanze particolari della fisiologia della pelle, come incrementate la melanina e la cheratina.

Combattere il Foto invecchiamento

L’acido ialuronico ha iniziato ad avere successo già da una decina d’anni, entrando nella formulazione di creme cosmetiche antiaging. Quali sono i vantaggi di questa molecola? Perché le creme all’acido ialuronico riscuotono tanto successo in donne, ma anche uomini? Questa sostanza è rintracciabile nel nostro derma: è naturalmente prodotta dall’organismo per idratare, proteggere i tessuti e rendere la pelle elastica.

Le creme in grado di combattere il foto invecchiamento usano l’acido ialuronico per la sua capacità di legare moltissime molecole d’acqua, conferendo dunque idratazione profonda alla pelle, proteggendola allo stesso tempo dagli agenti atmosferici (sole, smog). Con il passare del tempo la presenza di acido ialuronico nel derma si riduce, per questo motivo le creme all’acido ialuronico si rivelano un ottimo alleato per ridurre le rughe e i segni del tempo.

crema acido ialuronico prima dopo foto

crema acido ialuronico prima dopo foto

Funzionano le creme?

Grazie alla loro azione idratante le creme effetto lifting viso sono particolarmente utili nel ridurre il processo di invecchiamento della pelle, nel trattamento delle rughe, nella secchezza, opacità, e nel promuovere l’elasticità del derma e la luminosità. Queste creme possono essere utilizzate anche come fotoprotettori ad azione anti-eritema e, insieme con l’acido cogico o idrochinone, nel trattamento delle macchie senili.

Sull’efficacia abbiamo dei dubbi, o meglio bisogna vedere cosa intendiamo. E’ chiaro che la costanza viene premiata. Il loro utilizzo quotidiano associato ad un’alimentazione sana, ricca di fibre e di verdura aiuta sicuramente la pelle. La idrata anche in profondità. Non dimentichiamo che tutto questo deve essere associato al divieto di fumo e alcool. Anche quando prendiamo il sole poi dobbiamo mettere una crema solare.

Le migliori Creme

Sul mercato sono presenti diversi tipi di creme, bisogna però controllare la concentrazione di acido ialuronico presente che varia da prodotto a prodotto. La crema piú economica è la CONNETTIVINA che costa solo 10 euro. Si compra in farmacia e viene venduta per le scottature e gli eritemi, presenta acido ialuronico allo 0,2% .

Rughe Collo e Decollete I rimedi senza Chirurgia

Preservare e rendere liscia la parte del corpo che scende dal mento fino al seno, quella del décolleté, è importantissimo per rendere un volto giovanile. Siamo sempre concentrati sul viso, ma è proprio il collo a tradire la nostra età. I cosiddetti “anelli” che appaiono intorno al collo, rughe profonde molto evidenti e quella “Y” che si forma a partire dal centro del petto e sale fino in su sono brutti da vedere.

L’attenzione della medicina estetica si sta concentrando di piú su queste zone, lì dove la pelle è molto sottile e ha bisogno di parecchie cure. Dopo i 45 anni si cominciano a formare parecchie cure e bisogna porre rimedio anche per il décolleté.

I rimedi che con prevedono la chirurgia

senza ricorrere al bisturi chirurgico, ad interventi invasivi, ci sono parecchie soluzioni efficaci. Partiamo dal microneedling: needle, in inglese significa ago. Si provocano delle mini ferite lungo le rughe. Lo scopo è quello di mettere in moto meccanismi di “auto cicatrizzazione” che stimolano la produzione di collagene ed elastina, responsabili dell’ elasticità della pelle. Già a partire da 25 anni infatti la produzione di queste sostanze diminuisce dando vità a lassità cutanea, rughe e discromie della cute.

rughe decollete

I risultati del microneedle per le rughe non sono immediati: ci vogliono almeno cinque o sei sedute prima di vedere degli apprezzabili risultati. Il collagene deve rigenerarsi e la pelle deve ricompattarsi divenendo di nuovo turgida e luminosa. Il trattamento va ripetuto una volta al mese.

Per gli anelli che si formano intorno al collo si usa l’idroelettroforesi. Si tratta di una forma di biostimolazione per le rughe, ovvero vengono iniettate tramite sottili aghi delle sostanze all’ interno del derma che stimolano la produzione di nuove cellule. Il dispositivo usato è l’Hydrofor che riesce a veicolare acido ialuronico, vitamine ed altre sostanze stimolanti in profondità. Ci sono anche antiossidanti naturali che nutrono il derma. Il trattamento va ripetuto da tre a cinque volte, ed i risultati si vedono presto, con un collo liscio e piú luminoso.

I cibi che aiutano a rendere le rughe meno visibili

Anche tramite l’alimentazione possiamo aiutarci a rendere meno evidenti i solchi e le rughe. Il pesce azzurro è da sempre considerato un cibo alleato della pelle: contiene infatti Omega 3 che mantiene intatto il film idrolipidico, quella barriera naturale che preserva la pelle da smog, sole ed altri agenti nocivi.

Il Mango è molto ricco d’acqua, minerali come calcio, potassio, fosforo, sodio e magnesio. Contiene inoltre molte Vitamine: A, B, B6, C, D, E, J, K. In particolare contiene lupeolo, un potente anti ossidante ed anti infiammatorio.

Possiamo utilizzare anche degli integratori alimentari come la Curcuma Fitosomica. Si tratta di un prodotto in cui la curcumina, potente anti infiammatorio e anti ossidante, è veicolata con la lecitina do soia per renderla piú assorbibile e di conseguenza piú efficace.

eliminare rughe collo

Consigli per evitare la formazione di rughe sul petto

mettere sempre la crema solare a protezione massima SPF 50. Ripetere l’applicazione della crema dopo bagni e docce e comunque ogni 2 ore. Non esporsi mai al sole nelle ore comprese tra le 11 e le 15. Evitare fumo ed alcool.  Mantenere sempre idratato il decolletè, meglio grasso che secco.

Contorno Occhi Rughe e Borse i Metodi per Eliminarle

La zona del contorno occhi è una delle prime ad invecchiare: in questo punto del viso la pelle, essendo molto sottile, si segna facilmente anche intorno ai 30 anni, piú profondamente a partire dai 40 anni. E durante l’inverno lo sguardo può sembrare più vecchio, appesantito. Lo sostiene uno studio condotto da un team di dermatologi americani effettuato su un campione di 5000 donne. Alla fine della stagione fredda avevano la pelle più chiara rispetto all’estate a causa della mancanza di luce, questo fatto mettevae in evidenza borse e occhiaie. Non solo: anche una minore quantità di vitamina D, chiamata anche vitamina del sole, è in grado di ridurre la serotonina, neurotrasmettitore che dà la sensazione di benessere, entrambi tipici dell’inverno, stressano la zona perioculare .

I metodi per eliminarle, o quanto meno ridurle ci sono. Si utilizza il laser per approcci “soft” mentre se ci troviamo di fronte a borse molto profonde si ricurre alla chirurgia estetica.

Cosa fare per le zampe di gallina

Cosa fare per ovviare ai danni invernali e mantenere fresca e tonica questa parte del viso senza rughe? Innanzitutto attenzione al fumo: oltre ad essere nocivo per la salute e l’ossigenazione della pelle, comporta un gesto che stimola modo eccessivo la mimica facciale. Bisogna poi seguire una routine di bellezza fatta su misura, composta da creme specifiche da picchiettare mattina sera proprio nella posizione del contorno occhi.

Molte creme sono dotate di confezione ad hoc, roll-on o a penna, che rendono ancora più facile l’applicazione. Può essere utile anche la ginnastica passiva. Ci sono degli apparecchi con rulli per stimolare meccanicamente, con un massaggio, le fibre elastiche cutanee. La frequenza? Tutti giorni, per circa sei minuti.

 

contorno occhi rughe

Trattamenti non Invasivi

Invece se vuoi adottare soluzioni più incisive, poi sperimentare una tecnica medica, soprattutto se il problema riguarda, oltre alle rughe, borse, occhiaie accentuate e palpebre cadenti. Molti progressi sono stati compiuti in questo campo. Tre metodi più innovativi c’è il FELC, acronimo per flusso di elettroni convogliati, indicato quando lo sguardo non è troppo caduto. È una tecnica che prevede l’utilizzo di uno strumento che emette elettroni con potenze molto piccole per ottenere gli stessi risultati di un laser o di radio bisturi molto potenti e, quindi, molto più traumatici .

Provoca una leggera bruciatura sulla pelle in eccesso, senza intaccare il resto del tessuto. Si esegue in anestesia locale, ma senza incisioni, né ferite, solo una piccola retrazione cutanea dove si interviene con lo strumento.

Se il problema invece riguarda le occhiaie molto scavate  ci si può rivolgersi al medico estetico che riempie la zona con iniezioni di acido ialuronico. Il risultato temporaneo, dura circa 3-4 mesi, ma è una tecnica molto semplice, economica poco invasiva che si può ripetere nel corso degli anni senza rischi.

Ancora, se hai superato i cinquant’anni,  ela parte del viso che va dall’occhio all’attaccatura dei capelli ti sembra svuotata, può essere il caso di ricorrere all’ UPPER FACE RESHAPING.. Questo metodo si avvale della sinergia di iniezioni di acido ialuronico, diverse concentrazioni di tossina botulinica , botox, per rimodellare e risollevare parti del viso dove necessario.

foto prima e dopo blefaroplastica

Chirurgia estetica per il contorno occhi

Con il passare degli anni  il viso tende a cambiare forma, si svuota proprio sulle tempie, sotto gli occhi, tra le sopracciglia. Anche in questo caso il risultato è temporaneo, ma la tecnica ripetibile senza rischi. Infine, se vuoi una soluzione definitiva, puoi ricorrere alla blefaroplastica, che negli ultimi anni si è sempre più perfezionata. Il chirurgo, per asportare la cute in eccesso, pratica delle piccole incisioni a poco millimetri dal margine ciliare. Quando c’è un abbassamento della palpebra si tratta di blefaroplastica superiore, se il problema sono borse molto evidenti, si interviene con una inferiore.

La blefaroplastica non risolve il problema delle rughe che si formano intorno agli occhi e per le sopracciglia cadenti. In questo caso ci sono altre procedure “light” come il “laser resurfacing” ed il laser a luce pulsata intensa, IPL.

Il Botox per ridurre le rughe, solo quelle della Fronte

iniezioni di botoxLe iniezioni del botulino, chiamato anche botox (commercializzato con Vistabex, Azzalure, Bocouture) derivato dalla tossina botulinica, vengono sempre sempre più utilizzate per ridurre le rughe. Il trattamento ufficiale, quello autorizzato dall’ Aifa, Agenzia italiana del farmaco, prevede che possa essere utilizzato solo per combattere le rughe glabellari, quelle verticali della fronte.

Gli altri utilizzi, ad esempio per il contorno bocca (perilabiali) e occhi (perioculari) o per il collo sono considerati off label ovvero la persona si assume il rischio del trattamento visto che si tratta di parti delicate per le quali non esistono, attualmente, studi scientifici sufficientemente capaci di dimostrare che l’iniezione di tossina botulinica sia sicura al 100 per cento.

In ogni caso in tutto il mondo il botulino viene utilizzato proprio per questi ultimi tipi di rughe. La percentuale di rischio non è legata a particolari effetti collaterali visto che la tossina viene utilizzata anche in altre applicazioni mediche ad esempio per la:
-spasticità di mani e piedi;
-blefarospasmo, tic involontario dell’ occhio;
-iperidrosi, eccessiva sudorazione delle mani;
-torcicollo spasmodico;
-emispasmo facciale

Il botulino è una neurotossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum, che agisce a livello neuromuscolare: impedisce il rilascio del neurotrasmettitore chiamato acetilcolina. Ciò blocca la trasmissione dello stimolo nervoso e provoca una sorta di paralisi temporanea. Da anni viene usata anche per ridurre le rughe: se iniettata in un muscolo mimico, ne impedisce la contrazione, la pelle sopra al muscolo si spiana, e sparisce anche la ruga. L’effetto non è permanente, ma dura 4-5 mesi; in seguito il muscolo si “riattiva” e la ruga ricompare.

L’utilizzo off label è proprio qui. In caso di errore del professionista che inietta in maniera errata il botulino può portare ad effetti estetici indesiderati come un occhio semiaperto oppure un sopracciglio che viene tirato troppo su in maniera grottesca, ma non solo.

Rischi e pericoli del Botox

I rischi sono legati anche alla salute, spesso sottovalutati o non tenuti in debita considerazione da chi si sottopone alle punture di botox. Vanno dalla compromissione dell’uso dei muscoli della masticazione si disturbi del linguaggio in caso di iniezioni intorno alla bocca.
Possono presentarsi disturbi oculari, abbassamento delle palpebre, mal di testa, formicolii e alterazioni della sensibilità, debolezza muscolare, reazioni cutanee e allergiche, paralisi facciale, nausea, difficoltà di deglutizione.
Notizie sulla possibilità che, una volta iniettata la tossina botulinica, possa “migrare” verso altri gruppi muscolari e venire assorbita dall’organismo sono state diffuse dai giornali già da diverso tempo, nessuno studio ha confermato comunque.

Per questo le iniezioni di botox devono essere sempre effettuate da professionisti. Come raccomanda l’Aifa il trattamento non va effettuato su persone che hanno più di 65 anni e meno di 18, efficacia e sicurezza non sono state dimostrate.

Prezzi Botox per le rughe della fronte

esiste un tariffario di massima della SIES, società italiana di medicina e chirurgia estetica che prevede un minimo di 150 euro ed un massimo di 350 euro per trattamento. Ogni professionista è però libero di applicare la tariffa che crede, influenzata anche dalla città dove opera. Un intervento a Catania, Napoli o Bari costerà mediamente meno di uno effettuato a Milano, Bologna o Torino.

Il microneedling per le rughe, cicatrici e smagliature

Una delle alternative non chirurgiche, che non necessitano del bisturi per ottenere un ringiovanimento della pelle del viso è rappresentato dal trattamento di Microneedling o Needling. Che cos’è? Alla base c’è l’idea della ferita. Quando ci feriamo, sanguiniamo, vengono messi in moto una serie di processi che chiamano in causa enzimi e proteine, tutti quanti finalizzati alla riparazione della pelle: sterilizzazione, cicatrizzazione (che è un tampone) e ricostituzione, anche lenta, del tessuto ferito. Questo è ciò che fa la tecnica del Needling (Needle in inglese significa Ago) ovvero creare micro lesioni sulla pelle (e sullo scalpo visto che serve anche per i capelli) vicino a rughe, cicatrici, smagliature che attivano il processo di produzione di collagene ed elastina e “riparano” oltre alla ferita le zone vicine.

Come funziona

Come vengono create queste ferite? Attraverso uno strumento, il roller, una specie di cilindro su cui sono presenti tantissimi microaghi che penetrano la pelle ferendola. Il dispositivo viene commerciato con nomi diversi,il piu’ famoso è il Dermarollers, ma ci sono anche lo Skinroller e molti altri. Tutti sono indicati per ridurre le cicatrici di acne, le smagliature, la buccia d’arancia della cellulite, ma anche per l’alopecia, per le rughe del viso e per migliorare in generale i segni del tempo, una specie di lifting viso fatto in casa insomma.

Ci sono però due tipi di Dermaroller in commercio, uno per l’utilizzo domestico, l’altro per quello professionale che viene utilizzato da personale medico. Soltanto quest’ultimo garantisce la produzione di elastina e di collagene visto che i suoi aghi sono piu’ profondi e quindi penetrano maggiormente nella pelle. In questo caso ci sarà bisogno di una pomata anestetica, dopodichè ha inizio il trattamento.

Queste sono le diverse lunghezze degli aghi in base al tipo di trattamento che si deve effettuare:

  • 0.25mm – per migliorare la salute della pelle e dare una aspetto piu’ giovane (dermaroller casalingo)
  • 0.5mm – rughe, trattamenti anti età, leggere cicatrici da acne, cicatrici da varicella, trattamento per alopecia
  • 1.0mm, 1.5mm – smagliature profonde, cellulite e cicatrici profonde, 1,5mm è anche la massima lunghezza dell’ ago che si può utilizzare per il viso
  • 2.0mm, 2.5mm, 3.0mm – per cicatrici profonde e rughe e per il ringiovanimento della pelle

Il trattamento di microneedling fatto da un professionista dura circa 15/20 minuti al termine del quale si ha una sensazione di lieve bruciore accompagnata da rossore della pelle che nel giro di un paio di giorni sparisce. I trattamenti possono essere effettuati a distanza di 6-7 settimane una dall’ altra.

Cosa può fare

la terapia è utile nel ringiovanimento facciale, nel combattere le rughe, ma può essere utilizzata anche nell’ alopecia. I traumi superficiale cutanei creati con la tecnica del dispositivi di microneedling potrebbero indurre la ricrescita dei capelli a lungo termine sui siti trattati.

I prezzi del microneedling:

una seduta fatta da professionisti costa circa 150-200 euro mentre per acquistare il dermaroller si spendono circa 140 euro.

Il microneedling funziona?

Ci sono vari studi sull’ efficacia di questa tecnica. Un test effettuato nella clinica del Govt Medical College di Srinagar in India su 37 pazienti doveva effettuare una valutazione oggettiva dell’efficacia della terapia con Dermaroller su cicatrici atrofiche facciali di varia eziologia. Le cicatrici sono stati valutate e classificati clinicamente mediante una serie di foto fatte all’inizio e due mesi dopo la conclusione del protocollo di trattamento. I risultati hanno mostrato una riduzione della “severity” delle cicatrici di uno o due gradi su 34 pazienti, l’80% delle quali ha risposto con un “excellent” sulla soddisfazione del trattamento.
Qui potete leggere i risultati della ricerca.