Soft Lifting tutti i Trattamenti non Invasivi per Ringiovanire il Viso

La chirurgia estetica ha fatto passi da gigante negli ultimi anni tanto che un lifting del viso non è così invasivo come un tempo. Il decorso operatorio è sempre più breve, le tendenze propendono per un utilizzo “leggero” del bisturi, ma rimane comunque un’operazione chirurgica che non tutti vogliono affrontate. Da una parte c’è quindi il desiderio legittimo di far sparire qualche ruga di troppo, dall’ altro la paura e la non volontà di affrontare una sala operatoria.

Proprio per questi motivi gli interventi di soft lifting sono quelli a più alta crescita come richiesta. Un ringiovanimento del viso può passare anche per trattamenti non a tutti i costi invasivi. E’ bene sottolineare che la maggiorparte di queste tecniche più “leggere” restituisce risultati limitati nel tempo e non definitivi come accade nel lifting del viso. Ciò non potrebbe nemmeno essere un male perchè nel caso di risultati non graditi sappiamo che nel giro di qualche mese tutto tornerà come prima senza nessun intervento.

SOFT_LIFTING

Filler Dermali

si tratta di sostanze che vengono iniettate nel derma tramite aghi sottili. Il più famoso è l’acido ialuronico, un composto presente nel corpo umano che però nel corso del tempo tende a diminuire. C’è anche l’acido polilattico , polimero biodegradabile dal nome commerciale Sculptra che stimola la produzione, non immediata, di collagene.

E’ responsabile dell’ elasticità dei tessuti. Può essere utilizzato non solo nel tendere la pelle, per attenuare la presenza di rughe, ma anche per riempire zone depresse. Ad esempio per trattare delle guance scavate, per dare tono ed innalzare gli zigomi, per riempire le labbra.

Ci sono tanti prodotti venduti in farmacia, creme, lozioni, ma anche pomate come la connettivina, che contengono acido ialuronico, definito erroneamente puro, con percentuali del 2-3%. Ovviamente i risultati di un uso topico di una lozione non sono gli stessi di un’iniezione che agisce al livello intradermico.

Gli effetti di un trattamento del genere durano dai 3 ai 6 mesi, i prezzi compresi tra 200 e 500 euro. Possiamo effettuare più trattamenti nel corso della nostra vita e non ci sono particolari controindicazioni.

Biorivitalizzazione

chiamata anche biostimolazione o biorigenerazione. Gli interventi che ricadono sotto questo tipo di denominazione sono molti. Alla base c’è il principio di “stimolazione” di produzione di collagene per rinvigorire il tono tissutale ottenendo un effetto di ringiovanimento del viso.

Un intervento di biorivitalizzazione può essere effettuato con laser, oppure iniettando nel derma vitamine, filler dermali (acido jaluronico, polilattico) ed altre sostanze. Una seduta dura circa 15 minuti e va ripetuta per 3-4 settimane. Costi a partire da 100 euro ed effetti visibili per 4-5 mesi.

Mini Lifting con Fili Elastici che si Riassorbono

in questo caso ci avviciniamo un pochino ad un intervento un po’ più invasivo, ma non utilizziamo bisturi, non ci sono incisioni, ma si usa l’anestesia al livello locale. Si chiama anche lifting con fili perchè vengono inseriti degli elastici tensori per distendere il viso. Tramite un ago che trasporta il filo, gli stessi vengono ancorati in dei punti strategici dei muscolo e non solo distendono il volto, ma stimolano la produzione di collagene.

I fili che si utilizzano sono realizzati in PDO, polidiossanone, materiale bio sintetico che viene riassorbito dal corpo umano in 4-5 mesi. Gli stessi fili trovano applicazione in diversi campi medici, in oculistica e dermatologia. Questa tecnica può essere utilizzata non solo per il viso ma per rendere più tonica anche la pelle di braccia e cosce.

Botox

nome commerciale di quella che è la tossina botulinica, un potente “veleno” che, nel nostro caso, blocca i nervi, tendendo i muscoli e rendendo più liscia la pelle. Le rughe sono meno evidenti. Viene utilizzato soprattutto per le rughe glabellari della fronte, anche se alcuni medici lo propongono per il contorno occhi e bocca.

Un trattamento per il viso costa circa 200-500 euro, a seconda della quantità di prodotto utilizzato. Effetti limitati nel tempo a 3-4 mesi.

Dermoabrasione Facciale

è un metodo per il ringiovanimento del viso che utilizza un mezzo meccanico per l’esfoliazione della parte superficiale della pelle (strato di 10-15 micron), epidermide. Le cellule morte che vengono eliminare danno vita ad una pelle piú luminosa con rughe meno visibili. I candidati sono individui che lottano con i danni provocati dal sole, con macchie della pelle, cicatrici sottili, rughe leggere, cheratosi, pori dilatati, acne non di tipo cistico. Viene realizzata da un professionista del settore, anche se vengono venduti dei kit casalinghi per svolgerla da soli.

Consigli generali per mantenere la pelle giovane

Sei quello che mangi

Non abbiamo bisogno di tanto cibo, ma di un miglior cibo. Il primo segreto di una vecchiaia sana è restare magri e mangiare sano per non appesantire il funzionamento di organi e apparati che inevitabilmente portano a vere e proprie patologie.

Il sonno

Dormire fa bene. È durante il sonno notturno che il corpo e la pelle si rigenerano, si rinnovano le cellule e si rallenta l’invecchiamento.

Non fumare

Fra le tante malattie attribuibili al fumo, così come all’alcool, all’inquinamento elettromagnetico e atmosferico e alle lunghe esposizioni al sole, c’è l’invecchiamento cutaneo. Evitare gli eccessi delle attività sopra elencate e ritagliarsi spazi rigenerativi.

Usa il cervello per non invecchiare

L’attività cerebrale va coltivata Nell’arco di una vita il cervello viene sfruttato solo per una piccola percentuale e, quindi, non solo è un organo che si può “spingere” all’infinito, ma la sua nutrizione incide positivamente su tutto il resto dell’organismo, n più, assumere l’elisir di lunga vita per eccellenza del nostro cervello: il DHA (acido docosaesaenoico) e la fosfatidilserina (un fosfolipide presente nel cervello, specialmente nelle membrane cellulari dei neuroni).

Idratazione

L’acqua fa bene: elimina le tossine, protegge gli organi, solubilizza le sostanze nutritive nelle cellule, purifica la pelle, attenua la cellulite e aiuta anche a dimagrire. Più acqua beviamo (circa 2,5 litri al giorno) più rimaniamo giovani.

Evita lo stress

E’ notorio noto che evitare lo stress aiuta a mantenere l’equilibrio psicofisico a livelli ottimali. Lo stress ossidativo cellulare si traduce, oltre che nel rischio di alcune patologie di grave entità cardiovascolare, in un invecchiamento precoce.

Prodotti nutriceutici e Vitamine

La nutraceutica l’adozione del più salutare stile di vita non basta a tutelare il nostro stato di salute. Infatti, la contaminazione da antiparassitari e anticrittogramici presenti in frutta e verdura e da antibiotici e ormoni per le carni mettono a repentaglio le virtù dei cibi, anche di quelli ritenuti sani. È utile assumere, sotto indicazione di uno specialista orto molecolare, dei nutriceutici per ripristinare l’equilibrio biochimico: molecole e principi attivi antiossidanti, rimineralizzanti, vitaminizzanti e chelanti. Tra i più noti: vitamine A, E, C, D3, gruppo B, acido alfa lipoico, aminoacidi solforati, coenzima Q10, resveratrolo, Omega-3.

Biostimolazione, un lifting del viso autologo

La Biostimolazione o biorivitalizzazione dei fibroblasti (cellule del tessuto connettivo) rappresenta una delle maggiori innovazioni nel campo della medicina estetica. Possiamo definirla in maniera approssimativa un lifting del viso autologo visto che utilizza le cellule del proprio corpo.  Un miglioramento della qualità della pelle che riduce il fotoinvecchiamento e contribuisce ad un ringiovanimento si raggiunge grazie alla biostimolazione autologa mediante i fattori di crescita piastrinici.

Si parte dal principio che nelle piastrine del sangue vi siano importanti fattori di crescita; ora si è trovato il modo di utilizzarle in maniera autologa e sicura. Solitamente la biostimolazione prevede l’utilizzo di vitamine, aminoacidi, filler a base di acido ialuronico, acido polilattico o rimedi omeopatici. Nel caso della biostimolazione autologa si viene a creare un substrato nutriente per i fibroblasti, cellule come detto generatrici di collagene che non presenta effetti collaterali perchè si effettua con sostanze autologhe, che provengono dal proprio corpo.

Il trattamento di biostimolazione agisce come un vero e proprio lifting del viso, ridando turgore ad una pelle rilassata e ad un viso svuotato il tutto migliorando l’elasticità cutanea.

Come funziona la biostimolazione

lo specialista effettuerà un piccolo prelievo di sangue che verrà successivamente centrifugato per essere purificato dalle impurità. Verranno estratte le piastrine che una volta iniettate nel viso lo rigenereranno riducendo le rughe e i segni del tempo. Si utilizzano aghi finissimi per iniettare quello che è un vero e proprio concentrato cellulare ricco di piastrine dalle 2 alle 4 volte maggiori rispetto al valore di base. La biostimolazione si utilizza per il viso, mani, collo e decoltè. Una volta iniettate le piastrine iniziano il loro processo di rilascio di fattori di crescita che stimoleranno la produzione di collagene ed elastina, proteine responsabili dell’ elasticità della pelle.

Quanto dura il trattamento di biostimolazione

Sul viso verrà applicata una crema anestetizzante che non farà percepire alla paziente nessun dolore. Il trattamento dura circa 30 minuti, il tutto dipende dalla quantità di filler che dovrà essere iniettato. Potranno verificarsi dei piccoli arrossamenti e dei gonfiori nei punti trattati che tenderanno a sparire nell’ arco di 1 o 2 giorni.

Che zone del viso possiamo trattare

la biorivitalizzazione è utile per combattere i segni del tempo, quindi è utile per ridurre le rughe intorno alla bocca, le naso labiali, le glabellari (quelle della fronte), il contorno occhi. In genere dona luminosità e compattezza alla pelle del viso.

quanto durano gli effetti

L’intervento si effettua ambulatorialmente e non presenta particolari controindicazioni. Potrà essere applicata sulla parte da trattare una pomata anestetizzante per lenire il fastidio provocato dagli aghi. Gli effetti della biostimolazione si fanno notare subito anche se l’optimus si raggiunge dopo 90 giorni. Le sedute durano circa 15 minuti e sono necessari almeno 4 trattamenti da effettuare a distanza settimanale.

Proprio per la riassorbibilità dei filler che vengono utilizzati nella biostimolazione del viso gli effetti sono limitati del tempo. Possono andare dai 6 ai 9 mesi.

il laser per il viso

C’è un altro tipo di trattamento che prevede l’utilizzo di un laser a bassa potenza, circa 500mw, per cancellare rughe, cicatrici e segni del tempo abbinato a punture di acido ialuronico.

Il laser penetra la pelle attivando gli enzimi delle cellule responsabili della formazione di collagene (da’ elasticità della pelle) che a loro volta portano alla sintesi delle proteine. Quest’ultime, così stimolate, fanno crescere e riproducono le cellule dei tessuti . Ci sarà un miglioramento della proliferazione cellulare, una riduzione del dolore grazie al rilascio di endorfine e una migliore risposta del sistema immunitario a causa di crescenti livelli di attività linfocitaria.

Nella biostimolazione con il laser per il viso ci sono tecniche diverse. Alcune utilizzano il laser come il Triactive, altre invece usano dei micro aghi che iniettano l’acido ialuronico, vitamine, aminoacidi, rimedi omeopatici oppure botox direttamente nelle zone dove sorgono rughe oppure cicatrici. Il botulino viene però utilizzato principalmente per le rughe della fronte, per altri tipi di rughe, quelle nasolabiali e perioculari, si utilizza principalmente l’acido ialuronico, un filler totalmente riassorbibile dal corpo umano (Juvederm, Restylane, Macrolane, Viscoderm, Dona, Placentex sono alcuni dei prodotti utilizzati).

I filler con l’acido ialuronico sono un trattamento sempre attuale, a condizione che ci si rivolga a medici specialisti formati, che utilizzano prodotti
perfettamente purificati (così non ci sono rischi di granulomi), nelle giuste quantità e densità. Una formulazione di una certa densità, perfetta se inserita in profondità per distendere una ruga, iniettata in superficie potrebbe dare origine a un cordoncino percepibile al tatto e alla vista: ma uno specialista con una formazione specifica non commette questi errori.

Prezzi

i costi vanno mediamente da 150 a 300 euro a seduta. E’ ovvio che i prezzi sono anche influenzati dalla città in cui il centro medico si trova. Una biostimolazione fatta a Roma non avrà probabilmente lo stesso prezzo di una eseguita a Milano o a Napoli.

 

 

 

Prezzi della biostimolazione: quella classica costa circa 150 euro a seduta, mentre le biostimolazione autologa presenta costi maggiori, circa il doppio.

Contorno Occhi Rughe e Borse i Metodi per Eliminarle

La zona del contorno occhi è una delle prime ad invecchiare: in questo punto del viso la pelle, essendo molto sottile, si segna facilmente anche intorno ai 30 anni, piú profondamente a partire dai 40 anni. E durante l’inverno lo sguardo può sembrare più vecchio, appesantito. Lo sostiene uno studio condotto da un team di dermatologi americani effettuato su un campione di 5000 donne.

Alla fine della stagione fredda avevano la pelle più chiara rispetto all’estate a causa della mancanza di luce, questo fatto metteva in evidenza borse e occhiaie. Non solo: anche una minore quantità di vitamina D, chiamata anche vitamina del sole, è in grado di ridurre la serotonina, neurotrasmettitore che dà la sensazione di benessere, entrambi tipici dell’inverno, stressano la zona perioculare .

I metodi per eliminarle, o quanto meno ridurle ci sono. Si utilizza il laser per approcci “soft” mentre se ci troviamo di fronte a borse molto profonde si ricurre alla chirurgia estetica.

Crema Antirughe occhi

è la soluzione piú immediata e meno costosa. Nelle profumerie, farmacie, erboristerie non mancano prodotti che promettono di eliminare le rughe che promettono di ringiovanire il contorno occhi. Le migliori sono quelle a base si acido ialuronico con concentrazioni del 2%, sotto questa soglia il principio attivo è veramente poco.

La cosa importante da fare è sempre quella di idratare. In questa zona la pelle è molto “fina” e le rughe tendono a rendersi piú evidenti. Dopo un bagno o una doccia è sempre meglio idratarle. Ecco le migliori creme:

    • RoC Retinol Correxion Eye Cream
    • Neutrogena Hydro Boost Eye
    • Aveeno Absolutely Ageless
    • SkinCeuticals A.G.E. Eye Complex
    • Neutrogena Hydro Boost Crema Gel Contorno Occhi Anti-fatica
    • crema contorno occhi yves rocher
    • Neocutis Lumiere Bio-Restorative Eye Cream With Psp

Rimedi naturali per contorno occhi

  • Montare diversi albumi in una piccola ciotola. Massaggiare sulla pelle, lasciandola asciugare per almeno 15 minuti. Risciacquare con acqua tiepida e lasciare che le vitamine B naturali e la ricca vitamina E lavorino come rigenerante.
  • L’olio d’oliva naturale può aiutare la pelle a rimanere morbida ed elastica. Massaggiare delicatamente alcune gocce sul viso prima di andare a dormire e risciacquare con un panno morbido. Ti svegli con la pelle che è morbida e dall’aspetto sano.
  • Usando la tua crema per occhi preferita, prenditi qualche minuto per fare al tuo viso un massaggio con un tocco deciso ma gentile. Concentrati su aree problematiche come il collo, sotto gli occhi e la fronte.

Cosa fare per le zampe di gallina

Cosa fare per ovviare ai danni invernali e mantenere fresca e tonica questa parte del viso senza rughe? Innanzitutto attenzione al fumo: oltre ad essere nocivo per la salute e l’ossigenazione della pelle, comporta un gesto che stimola modo eccessivo la mimica facciale. Bisogna poi seguire una routine di bellezza fatta su misura, composta da creme specifiche da picchiettare mattina sera proprio nella posizione del contorno occhi.

Molte creme sono dotate di confezione ad hoc, roll-on o a penna, che rendono ancora più facile l’applicazione. Può essere utile anche la ginnastica passiva. Ci sono degli apparecchi con rulli per stimolare meccanicamente, con un massaggio, le fibre elastiche cutanee. La frequenza? Tutti giorni, per circa sei minuti.

 

contorno occhi rughe

Come eliminare le rughe da cuscino

quando ci svegliamo, dopo il sonno notturno, si formano, specie intorno agli occhi le cosiddette “rughe da cuscino” o “rughe da sonno“. Sono così chiamate perché causate dal contatto con il guanciale, prima che diventino permanenti.

Dormire a pancia in su aiuta ma, dai 40 anni in poi, servono trattamenti studiati per questi inestetismi. Sono l’ultima frontiera degli antiage: applicati prima di andare a dormire, rivestono il viso di un impacco invisibile che lo protegge dal contatto con il cuscino per tutta la notte. Grazie a formule d’avanguardia, rilasciano in modo continuo gli attivi nel cuore delle cellule cutanee addormentate, per una pelle liscia al risveglio.

Le rughe da cuscino si riconoscono facilmente: incavate, percorrono verticalmente le guance, segnano il contorno occhi, corrugano la fronte.  A differenza di quelle d’espressione, equamente distribuite nelle due metà del volto, sono asimmetriche, concentrate solo sul lato del viso che resta a contatto con il cuscino
per la maggior parte della notte.

Chi dorme su un fianco è più a rischio. Peggio ancora per chi dorme a pancia in giù: le rughe sono più marcate perché metà del viso è affondata nel
cuscino, in più l’ovale perde definizione per la formazione di grinze e solchi nella cosiddetta “V zone” (mento, collo, décolleté).

quando si è giovani le rughe scompaiono al mattino, dopo poco, ma con l’avanzare dell’ età permangono sempre di piú sul viso. Con il tempo la pelle cede, riduce la sua densità e si rilassa, perdendo anche la “memoria delle forme”», spiega la specialista. I segni, prima temporanei e superficiali,
diventano sempre più evidenti e profondi.

Anche il gonfiore del viso dopo il risveglio non se ne va dopo i 40 anni. È il segnale che il sistema linfatico non è più efficace come prima, nel drenare l’accumulo di liquidi dovuto alla posizione distesa e alla compressione della pelle sul cuscino. Anche dopo ore, i tratti appaiono congestionati, come se ci si fosse sempre appena alzati dal letto.

Cosa fare per togliere le rughe al mattino

Un trattamento specifico per la notte serve perché è dimostrato che mentre dormiamo la pelle cambia: diventa piú secca e sottile, la funzione di barriera è
più debole, l’esfoliazione naturale è più lenta, il pH si abbassa. Tutto ciò peggiora con l’età. Per questo la pelle matura è più suscettibile allo sfregamento del
cuscino.

I sieri antietà di nuova generazione contengono preparati che agiscono con diversi meccanismi.Potenziano la produzione di collagene ed elastina, che supportano la “memoria delle forme” della pelle. Contengono antiage quali peptidi, semi di carruba e niacinamide, che nutrono e rafforzano la barriera epidermica, riempiono gli avvallamenti e riducono profondità, larghezza, lunghezza delle rughe. La parte del viso schiacciata dal guanciale riprende forma: il contorno del volto è di nuovo “pieno” grazie a molecole volumizzanti come acido jasminico, derivato dal gelsomino, e microsfere di acido ialuronico, in grado di aumentare di 30 volte di volume e occupare gli spazi intercellulari per un’azione di riempimento immediata. I tratti sono distesi e rinfrescati grazie a drenanti come l’estratto di passiflora, che stimola la microcircolazione e sgonfia le borse.

Applica il prodotto prima di andare a dormire, dopo la pulizia e procedi esercitando una discreta pressione con i polpastrelli, con piccoli movimenti dal naso alle orecchie e dal centro della fronte verso l’esterno, per stimolare il sistema linfatico.

Due volte alla settimana, fai una maschera a base di marrubio bianco. È un derivato vegetale antiage e detox arricchito di microcristalli ottenuti da rocce minerali, per un peeling effetto pelle nuova. Infine, la sera bevi una tisana di tarassaco e curcuma che ripulisce la pelle dall’interno.

Trattamenti non Invasivi

Invece se vuoi adottare soluzioni più incisive, poi sperimentare una tecnica medica, soprattutto se il problema riguarda, oltre alle rughe, borse, occhiaie accentuate e palpebre cadenti. Molti progressi sono stati compiuti in questo campo. Tre metodi più innovativi c’è il FELC, acronimo per flusso di elettroni convogliati, indicato quando lo sguardo non è troppo caduto. È una tecnica che prevede l’utilizzo di uno strumento che emette elettroni con potenze molto piccole per ottenere gli stessi risultati di un laser o di radio bisturi molto potenti e, quindi, molto più traumatici .

Provoca una leggera bruciatura sulla pelle in eccesso, senza intaccare il resto del tessuto. Si esegue in anestesia locale, ma senza incisioni, né ferite, solo una piccola retrazione cutanea dove si interviene con lo strumento.

Se il problema invece riguarda le occhiaie molto scavate  ci si può rivolgersi al medico estetico che riempie la zona con iniezioni di acido ialuronico. Il risultato temporaneo, dura circa 3-4 mesi, ma è una tecnica molto semplice, economica poco invasiva che si può ripetere nel corso degli anni senza rischi.

Ancora, se hai superato i cinquant’anni,  ela parte del viso che va dall’occhio all’attaccatura dei capelli ti sembra svuotata, può essere il caso di ricorrere all’ UPPER FACE RESHAPING.. Questo metodo si avvale della sinergia di iniezioni di acido ialuronico, diverse concentrazioni di tossina botulinica , botox, per rimodellare e risollevare parti del viso dove necessario.

foto prima e dopo blefaroplastica

Chirurgia estetica per il contorno occhi

Con il passare degli anni  il viso tende a cambiare forma, si svuota proprio sulle tempie, sotto gli occhi, tra le sopracciglia. Anche in questo caso il risultato è temporaneo, ma la tecnica ripetibile senza rischi. Infine, se vuoi una soluzione definitiva, puoi ricorrere alla blefaroplastica, che negli ultimi anni si è sempre più perfezionata. Il chirurgo, per asportare la cute in eccesso, pratica delle piccole incisioni a poco millimetri dal margine ciliare. Quando c’è un abbassamento della palpebra si tratta di blefaroplastica superiore, se il problema sono borse molto evidenti, si interviene con una inferiore.

La blefaroplastica non risolve il problema delle rughe che si formano intorno agli occhi e per le sopracciglia cadenti. In questo caso ci sono altre procedure “light” come il “laser resurfacing” ed il laser a luce pulsata intensa, IPL.

Creme lifting viso all’acido ialuronico

Prima di procedere con la chirurgia estetica si può tentare col migliorare la tonicità della nostra pelle con alcune creme lifting viso a base di acido ialuronico. Si spalmano direttamente lì dove si sono formate le rughe, ad esempio il contorno occhi, vicino la bocca, sulle guance. Facciamo però un passo indietro, cos’è l’acido ialuronico? Come funzionano le creme? Riescono veramente a ringiovanire il viso?

Cos’è l’acido ialuronico

Si tratta di un mucopolisaccaride che è presente quasi in ogni parte del corpo, ma specialmente nella pelle. L’acido ialuronico in natura ha la capacità di legare notevoli quantità di acqua proveniente dalla rete capillare, è necessario inoltre per mantenere in forma solubile i cataboliti, gli elettroliti ed i gas che si diffondono nei capillari e nelle cellule attraverso il liquido interstiziale. Questo fenomeno è essenziale per mantenere la pelle elastica e in una condizione fisica gelatinosa.

Quindi, l’acido ialuronico ha un ruolo fondamentale nel controllo della diffusione di sostanze nutritive, ormoni, vitamine e sali inorganici del tessuto connettivo e nell’eliminazione delle scorie del metabolismo, che possono dar luogo a reazioni di tipo infiammatorio.

Con l’aumentare dell’età, la quantità di acido ialuronico presente nell’organismo diminuisce così come il suo livello di polimerizzazione, che si traduce nell’ aumento di ritenzione di acqua, la pelle inoltre inizia a presentare alterazioni della sua condizione fisica e subisce un processo di invecchiamento che provoca una crescita della parte fibrosa a discapito di quella elastica.

In farmacia ci sono molte creme effetto lifting viso a base di acido ialuronico che vengono usate principalmente come creme idratanti o preparati anti-age. Tali preparati hanno lo svantaggio di utilizzare un basso peso molecolare di acido ialuronico, che è molto meno efficace rispetto a quello ad elevato peso molecolare. D’altra parte l’acido ialuronico è scarsamente solubile, ciò crea gravi problemi tecnici nella preparazione di formulazioni cosmetiche e farmaceutiche.

Per qualcuno quindi le creme lifting viso all’ acido ialuronico “normali” non hanno grande effetto proprio per la difficolta dello stesso ad essere solubile, ma il problema è stato risolto mischiando all’ acido ialuronico aminoacidi come la lisina, arginina, metionina e acido aspartico. Gli aminoacidi inoltre svolgono un ruolo essenziale nella formazione di sostanze particolari della fisiologia della pelle, come incrementate la melanina e la cheratina.

Combattere il Foto invecchiamento

L’acido ialuronico ha iniziato ad avere successo già da una decina d’anni, entrando nella formulazione di creme cosmetiche antiaging. Quali sono i vantaggi di questa molecola? Perché le creme all’acido ialuronico riscuotono tanto successo in donne, ma anche uomini? Questa sostanza è rintracciabile nel nostro derma: è naturalmente prodotta dall’organismo per idratare, proteggere i tessuti e rendere la pelle elastica.

Le creme in grado di combattere il foto invecchiamento usano l’acido ialuronico per la sua capacità di legare moltissime molecole d’acqua, conferendo dunque idratazione profonda alla pelle, proteggendola allo stesso tempo dagli agenti atmosferici (sole, smog). Con il passare del tempo la presenza di acido ialuronico nel derma si riduce, per questo motivo le creme all’acido ialuronico si rivelano un ottimo alleato per ridurre le rughe e i segni del tempo.

crema acido ialuronico prima dopo foto

crema acido ialuronico prima dopo foto

Funzionano le creme?

Grazie alla loro azione idratante le creme effetto lifting viso sono particolarmente utili nel ridurre il processo di invecchiamento della pelle, nel trattamento delle rughe, nella secchezza, opacità, e nel promuovere l’elasticità del derma e la luminosità. Queste creme possono essere utilizzate anche come fotoprotettori ad azione anti-eritema e, insieme con l’acido cogico o idrochinone, nel trattamento delle macchie senili.

Sull’efficacia abbiamo dei dubbi, o meglio bisogna vedere cosa intendiamo. E’ chiaro che la costanza viene premiata. Il loro utilizzo quotidiano associato ad un’alimentazione sana, ricca di fibre e di verdura aiuta sicuramente la pelle. La idrata anche in profondità. Non dimentichiamo che tutto questo deve essere associato al divieto di fumo e alcool. Anche quando prendiamo il sole poi dobbiamo mettere una crema solare.

Le migliori Creme

Sul mercato sono presenti diversi tipi di creme, bisogna però controllare la concentrazione di acido ialuronico presente che varia da prodotto a prodotto. La crema piú economica è la CONNETTIVINA che costa solo 10 euro. Si compra in farmacia e viene venduta per le scottature e gli eritemi, presenta acido ialuronico allo 0,2% .

Rughe Collo e Decollete I rimedi senza Chirurgia

Preservare e rendere liscia la parte del corpo che scende dal mento fino al seno, quella del décolleté, è importantissimo per rendere un volto giovanile. Siamo sempre concentrati sul viso, ma è proprio il collo a tradire la nostra età. I cosiddetti “anelli” che appaiono intorno al collo, rughe profonde molto evidenti e quella “Y” che si forma a partire dal centro del petto e sale fino in su sono brutti da vedere.

L’attenzione della medicina estetica si sta concentrando di piú su queste zone, lì dove la pelle è molto sottile e ha bisogno di parecchie cure. Dopo i 45 anni si cominciano a formare parecchie cure e bisogna porre rimedio anche per il décolleté.

I rimedi che con prevedono la chirurgia

senza ricorrere al bisturi chirurgico, ad interventi invasivi, ci sono parecchie soluzioni efficaci. Partiamo dal microneedling: needle, in inglese significa ago. Si provocano delle mini ferite lungo le rughe. Lo scopo è quello di mettere in moto meccanismi di “auto cicatrizzazione” che stimolano la produzione di collagene ed elastina, responsabili dell’ elasticità della pelle. Già a partire da 25 anni infatti la produzione di queste sostanze diminuisce dando vità a lassità cutanea, rughe e discromie della cute.

rughe decollete

I risultati del microneedle per le rughe non sono immediati: ci vogliono almeno cinque o sei sedute prima di vedere degli apprezzabili risultati. Il collagene deve rigenerarsi e la pelle deve ricompattarsi divenendo di nuovo turgida e luminosa. Il trattamento va ripetuto una volta al mese.

Per gli anelli che si formano intorno al collo si usa l’idroelettroforesi. Si tratta di una forma di biostimolazione per le rughe, ovvero vengono iniettate tramite sottili aghi delle sostanze all’ interno del derma che stimolano la produzione di nuove cellule. Il dispositivo usato è l’Hydrofor che riesce a veicolare acido ialuronico, vitamine ed altre sostanze stimolanti in profondità. Ci sono anche antiossidanti naturali che nutrono il derma. Il trattamento va ripetuto da tre a cinque volte, ed i risultati si vedono presto, con un collo liscio e piú luminoso.

I cibi che aiutano a rendere le rughe meno visibili

Anche tramite l’alimentazione possiamo aiutarci a rendere meno evidenti i solchi e le rughe. Il pesce azzurro è da sempre considerato un cibo alleato della pelle: contiene infatti Omega 3 che mantiene intatto il film idrolipidico, quella barriera naturale che preserva la pelle da smog, sole ed altri agenti nocivi.

Il Mango è molto ricco d’acqua, minerali come calcio, potassio, fosforo, sodio e magnesio. Contiene inoltre molte Vitamine: A, B, B6, C, D, E, J, K. In particolare contiene lupeolo, un potente anti ossidante ed anti infiammatorio.

Possiamo utilizzare anche degli integratori alimentari come la Curcuma Fitosomica. Si tratta di un prodotto in cui la curcumina, potente anti infiammatorio e anti ossidante, è veicolata con la lecitina do soia per renderla piú assorbibile e di conseguenza piú efficace.

eliminare rughe collo

Consigli per evitare la formazione di rughe sul petto

mettere sempre la crema solare a protezione massima SPF 50. Ripetere l’applicazione della crema dopo bagni e docce e comunque ogni 2 ore. Non esporsi mai al sole nelle ore comprese tra le 11 e le 15. Evitare fumo ed alcool.  Mantenere sempre idratato il decolletè, meglio grasso che secco.