Biostimolazione, un lifting del viso autologo

La Biostimolazione dei fibroblasti (cellule del tessuto connettivo) rappresenta una delle maggiori innovazioni nel campo della medicina estetica. Possiamo definirla in maniera approssimativa un lifting del viso autologo visto che utilizza le cellule del proprio corpo.  Un miglioramento della qualità della pelle che riduce il fotoinvecchiamento e contribuisce ad un ringiovanimento si raggiunge grazie alla biostimolazione autologa mediante i fattori di crescita piastrinici.

Si parte dal principio che nelle piastrine del sangue vi siano importanti fattori di crescita; ora si è trovato il modo di utilizzarle in maniera autologa e sicura. Solitamente la biostimolazione prevede l’utilizzo di vitamine, aminoacidi, filler a base di acido ialuronico, acido polilattico o rimedi omeopatici. Nel caso della biostimolazione autologa si viene a creare un substrato nutriente per i fibroblasti, cellule come detto generatrici di collagene che non presenta effetti collaterali perchè si effettua con sostanze autologhe, che provengono dal proprio corpo.

Il trattamento di biostimolazione agisce come un vero e proprio lifting del viso, ridando turgore ad una pelle rilassata e ad un viso svuotato il tutto migliorando l’elasticità cutanea.

Come funziona la biostimolazione:
lo specialista effettuerà un piccolo prelievo di sangue che verrà successivamente centrifugato per essere purificato dalle impurità. Verranno estratte le piastrine che una volta iniettate nel viso lo rigenereranno riducendo le rughe e i segni del tempo. Si utilizzano aghi finissimi per iniettare quello che è un vero e proprio concentrato cellulare ricco di piastrine dalle 2 alle 4 volte maggiori rispetto al valore di base. La biostimolazione si utilizza per il viso, mani, collo e decoltè. Una volta iniettate le piastrine iniziano il loro processo di rilascio di fattori di crescita che stimoleranno la produzione di collagene ed elastina, proteine responsabili dell’ elasticità della pelle.

L’intervento si effettua ambulatorialmente e non presenta particolari controindicazioni. Potrà essere applicata sulla parte da trattare una pomata anestetizzante per lenire il fastidio provocato dagli aghi. Gli effetti della biostimolazione si fanno notare subito anche se l’optimus si raggiunge dopo 90 giorni. Le sedute durano circa 15 minuti e sono necessari almeno 4 trattamenti da effettuare a distanza settimanale.

Prezzi della biostimolazione: quella classica costa circa 150 euro a seduta, mentre le biostimolazione autologa presenta costi maggiori, circa il doppio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>